Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 19 Aprile |
San Leone IX
home iconArte e Viaggi
line break icon

Chi è il pittore citato da papa Francesco nel parlare della Cina?

Chiara Santomiero - Aleteia - pubblicato il 11/02/16

L’incontro con la millenaria cultura cinese è un obiettivo perseguito da secoli dalla Compagnia di Gesù

Quando si parla di Cina a tutti viene in mente Matteo Ricci e la capacità del grande gesuita della seconda metà del 1500 di entrare in dialogo con l’antichissima e raffinata cultura cinese, in uno scambio fecondo tra Oriente e Occidente. Anche papa Francesco, nell’intervista pubblicata il 2 febbraio su “Asia Times” a proposito della Cina, ha affermato di aver approfondito la figura di Ricci che ha saputo incontrare “questa grande cultura, questa saggezza secolare”. Il pontefice, nell’intervista, ha aggiunto di aver apprezzato i dipinti di un artista che aveva anche lui “il virus gesuita”: “Giuseppe Castiglione – ha detto Francesco – sapeva come esprimerebellezza, l’esperienza dell’apertura nel dialogo: ricevere da altri e dare qualcosa di se stessi su una lunghezza d’onda ‘civilizzata’, delle civiltà”.

Ma chi era Giuseppe Castiglione?

The Qianlong Emperor by Giuseppe Castiglione
© Giuseppe Castiglione (1688–1766) / National Palace Museum

Quando morì, all’interno della Città proibita di Pechino, dove aveva vissuto ininterrottamente per 51 anni, l’imperatore Ch’ieng-lung dispose che si dessero “300 once d’argento del tesoro imperiale per finanziare i suoi funerali onde dimostrare la nostra profonda simpatia” e lo promosse mandarino di seconda classe. Qualche anno prima l’imperatrice madre, la quale altrimenti non avrebbe potuto farsi ritrarre da lui, aveva fatto pressioni perché fosse promosso mandarino di terza classe.

Il nome di Giuseppe Castiglione, gesuita, pittore e architetto, nato a Milano nel 1688 e morto a Pechino nel 1766, giunto alla corte dell’imperatore cinese K’ang-hsi seguendo la strada aperta dal celebre confratello Matteo Ricci e qui rimasto come artista di corte di due successivi imperatori, non dice molto alla maggioranza degli italiani. Ma la memoria di Lang Shih-ning, “Pace del mondo”, il nome cinese di Castiglione descrittivo del suo carattere mite e gentile, lo scorso aprile ha tenuto in casa, per guardare un docu-film sulla sua vita, 360 milioni degli abitanti del Celeste Impero di un tempo, che hanno bene in mente una delle opere più celebri del pittore gesuita: Cento cavalli eccellenti.

A Pechino Castiglione, che aveva lasciato eccellenti prove di pittura barocca italiana nelle chiese della Compagnia di Gesù, imparò a dipingere ad acquerello e inchiostro di china, su carta e seta, soggetti che gli venivano imposti dall’imperatore. Il suo stile originale di pittura, che unisce tecnica occidentale e orientale, gli ha meritato un posto in tutti i libri scolastici del mondo cinese, dalle scuole elementari all’università.

The Empress Xiaoxianchun by Lang Shining (Giuseppe Castiglione, 1688-1766)
© Giuseppe Castiglione (1688–1766) / National Palace Museum

Shi-ning non ha rivali nell’arte del ritratto” scrive in una poesia l’imperatore Ch’ien-lung alludendo alla numerosi serie di ritratti degli imperatori, delle mogli e delle concubine e di altri personaggi della corte dipinti da Castiglione. Quando nei mesi estivi, la corte si trasferiva a Jehol, tra le montagne della Manciuria, il gesuita ritraeva generali, scene di combattimento e le famose serie di cavalli.

Ayusi Scattering Rebels with Upraised Spear, by Giuseppe Castiglione (Chinese name Lang Shining, 1688—1766), Handscroll, ink and color on paper, National Palace Museum, Taipei.
© Giuseppe Castiglione (1688–1766) / National Palace Museum
Ayusi Scattering Rebels with Upraised Spear, by Giuseppe Castiglione (Chinese name Lang Shining, 1688—1766), Handscroll, ink and color on paper, National Palace Museum, Taipei.

L’imperatore affidò a Castiglione la progettazione e il completamento delle fontane e delle decorazioni dei padiglioni in stile occidentale all’interno dei giardini del Vecchio Palazzo estivo che realizzò insieme a un team di artisti occidentali, tra cui l’architetto francese Michel Benoist, anch’egli gesuita. Purtroppo i padiglioni furono distrutti dalle truppe anglo-francesi nel 1860.

Tutta la multiforme attività artistica di Castiglione, orientata allo sforzo di una inculturazione nella società cinese, era diretta alla possibilità di aprire nuove vie all’azione di evangelizzazione della Compagnia di Gesù. Oggi i suoi capolavori sono conservati nei musei imperiali di Pechino e Taipei.

Il docu-film “Giuseppe Castiglione in Cina. Pittore imperiale, umile servo” (il trailer in apertura dell’articolo), prodotto dai gesuiti di Taiwan, è stato trasmesso in Italia da Tv2000 il 30 settembre 2015.

Ten Steeds (Snow-Flake Eagle) by Lang Shining (Giuseppe Castiglione, 1688-1766)
© Giuseppe Castiglione (1688–1766) / National Palace Museum
Tags:
cinagesuitimatteo riccipapa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
Scoperti nuovi frammenti della Bibbia: ma al posto di Dio c’è scr...
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
4
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
5
Paola Belletti
È cieco chi vede in Isabella solo la sindrome di Down
6
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
7
Gelsomino Del Guercio
7 santuari uniti da una linea retta. La misteriosa fede per San M...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni