Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

“Spiritual coaching”, così si insegna il perdono in azienda

Condividi

Una teologa e un manager sperimentano un nuovo modo di rilanciare le aziende in crisi…nel segno della misericordia

Un progetto di perdono e riconciliazione per le aziende, in tempo di crisi e nell’anno giubilare. A lanciare l’iniziativa, sostenuta dal vescovo Giovanni Ricchiuti (presidente di Pax Christi, che ne ha parlato anche con papa Francesco), la teologa Selene Zorzi e Nicola Messina, che di mestiere fa il direttore amministrativo di un ospedale e ha alle spalle anni di management non violento in cui ha fatto tesoro della predicazione del vescovo Tonino Bello (Avvenire, 3 febbraio).

AZIENDE CHE SI VOGLIONO RISANARE

«Vogliamo portare questa sfida in imprese che hanno bisogno, magari a causa di strategie problematiche, fallimentari o violente, di risanare la rete di capitale aziendale ma anche relazionale», affermano Zorzi e Messina. Il percorso prevede un approccio a partire dalla spiritualità monastica coniugata alla psicologia positiva e al neocognitivismo. Perché, dicono, «una gestione del capitale umano si fa tramite una gestione umana del capitale, non solo economico ma anzitutto spirituale».

“L’HO VISSUTO SULLA MIA PELLE”

Ma com’è nata l’idea? «Sul campo – racconta Messina –. Ho vissuto sulla mia pelle il ruolo di vittima e di persecutore nelle aziende dove ho ricoperto ruoli di responsabilità e direzione sia generale sia finanziaria. Le preoccupazioni, le tensioni e i tormenti personali mi hanno portato a considerare che non sono sufficienti norme e regolamenti per i cammini di etica e pace aziendale. Nascono conflitti tra polo dirigente e risorse umane o, peggio, tra colleghi».

DESIDEROSI DI RICONCILIARSI

Per uscire da questo circolo vizioso «è importante ammettere di essere feritori e feriti, desiderosi di riconciliazione. L’esempio di don Tonino Bello, dal quale prende spunto la mia teoria del manager col grembiule, si basa proprio su una correlazione molto forte tra pace e riconoscimento dei propri errori. Solo chi chiede di essere perdonato può ricostruire nelle organizzazioni complesse nuovi percorsi».

IL METODO DEL COACHING

In gergo si chiama “Spiritual coaching” quello che viene proposto agli impiegati. All’interno della tradizione cristiana ci sono molte vie per accompagnare le persone (direzione spirituale, sacramento della riconciliazione, percorsi psicoterapeutici). Il metodo del Coaching risulta particolarmente adatto per il nostro tempo in quanto rispettoso della libertà di coscienza, valorizza la singolarità dei cammini dello Spirito ed è efficace su breve periodo (www.epektasis.eu)

RITROVARE L’EQUILIBRIO PERSONALE

Lo Spiritual Coaching risulta particolarmente efficace per sostenere percorsi trasformazionali profondi, ricercare il senso profondo del proprio agire (“Ora et Labora”), armonizzare identità e valori di riferimento, analizzare e gestire le proprie emozioni, equilibrare vita lavorativa e vita privata, abitare fruttuosamente e/o trasformare il proprio limite, favorire processi di passaggio.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.