Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 14 Giugno |
Sant'Eliseo
home iconNews
line break icon

In memoria di un giusto musulmano morto per proteggere i cristiani

YOU TUBE

Gelsomino Del Guercio - Aleteia - pubblicato il 25/01/16

Salah Farah, padre di cinque figli, fece da scudo ai cristiani assaltati in Kenya da al-Shabaab

Facciamo un passo indietro. E’ il 21 dicembre quando al-Shabaab, formazione islamista e cellula somala di al-Qaeda, tende un’imboscata a un autobus che si stava dirigendo a Mandera, città nel nord-est del Kenya. Col volto coperto, armati, in tuta mimetica, i militantifanno scendere i passeggeri e cominciano la loro caratteristica conta mortale.

I musulmani da una parte, i cristiani dall’altra, due gruppi separati per ucciderne uno solo, in nome della sharia. Ma questa volta i passeggeri musulmani si sono rifiutati di collaborare (La Repubblica, 21 gennaio).

“UCCIDETECI TUTTI O LASCIATECI ANDARE!”

«Gli abbiamo chiesto di ucciderci tutti o di lasciarci andare» racconta Salah Farah al Daily Nation, quotidiano keniota, dopo l’attacco. Anche lui si trovava sul bus. «Appena abbiamo parlato hanno sparato a un ragazzo, e a me». I guerriglieri dopo la sparatoria scappano via. Ma per Farah, rimasto ferito, inizia una lunga agonia. Le sue condizioni peggiorano nei giorni successivi. E il 18 gennaio 2016, dopo un mese trascorso al Kenyatta National Hospital di Nairobi, muore per le ferite riportate.

VICE PRESIDE IN UNA SCUOLA

Sposato e padre di cinque figli, la polizia ha scortato il suo corpo a Mandera, dove viveva e lavorava come vice preside in una scuola locale. «E’ un vero eroe» ha detto di lui il capo della polizia keniota, Joseph Boinnet, «è morto per proteggere innocenti» (Agi, 21 gennaio).

IN AIUTO ALLA FAMIGLIA

La polizia ha fornito alla famiglia un aereo per riportare il corpo dell’uomo a Mandera, dove sarà seppellito. Molte persone, riportano i giornali locali, si sono offerti di aiutare la moglie, incinta al nono mese, e i suoi quattro figli. Anche i genitori anziani vivevano grazie al suo stipendio (Tempi.it, 21 gennaio).

Il POPOLO DI TWITTER E’ CON LUI

Salah Farah era musulmano e gli Shabaab gli hanno sparato. In queste ore sui social volano l’hashtag #HeroSalah e le parole di un connazionale, tal Musa Mikaya: «Mia moglie è incinta, sono cristiano, se nascerà un bimbo si chiamerà Salah Farah. Non m’importa cosa voglia dire quel nome, l’ultimo che lo ha portato mi ha convinto che significhi “amore per l’umanità”» (La Stampa, 21 gennaio).

Tags:
cristiani perseguitatikenyamusulmani
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Gelsomino Del Guercio
Strano cerchio bianco sulla testa del Papa. Il video diventa vira...
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
7
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni