Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 16 Settembre |
Santi Cornelio e Cipriano
home iconNews
line break icon

Conoscete le proprietà curative dell’alloro?

Shutterstock / Sunny Forest

Catalunya Cristiana - pubblicato il 14/01/16

I frati cappuccini sì, e condividono con voi le conoscenze accumulate nel corso di secoli

L’alloro (in latino Laurus nobilis) è un arbusto molto comune in tutta Europa. Nel boschetto del Desierto de Sarrià di Barcellona (Spagna), dove noi cappuccini abbiamo risieduto dal 1578 fino all’esclaustrazione del 1835, c’erano alcune piante di alloro molto frondose e dalle foglie medicinali con proprietà diuretiche e sudorifere.

L’alloro si utilizza in gastronomia non solo per aromatizzare arrosti e conserve, ma anche come tonico per lo stomaco e antidoto contro il veleno.

Le piccole olive dell’alloro femminile, pestate al mortaio, danno un olio molto efficace per le frizioni in caso di dolori reumatici, e soprattutto per curare il mal d’orecchio.

Questa pianta è menzionata nella medicina pratica del celebre formulario Astier, in cui viene presentata come un potente diuretico, e anche in quello di Bouchardat, dove troviamo una formula per elaborare una pomata di alloro con strutto per curare i dolori reumatici, visto che dai frutti – “olive” – dell’alloro si estrae una specie di burro che si utilizza per ungere contro le paralisi e i dolori di carattere reumatico.

I frati cappuccini hanno utilizzato con efficacia l’alloro come antidoto e anche in rimedi di grande accettazione popolare come una ricetta per pulire le ferite e le ulcere elaborata dai cappuccini del convento barcellonese di Santa Madrona, dove fino al 1835 c’era una famosa farmacia conventuale che rivaleggiava con quelle della corporazione della città.

Dell’alloro i frati scrivevano che era un “albero ben noto, che produce dei piccoli frutti neri che si raccolgono per l’uso delle farmacie. Le sue foglie sono eccellenti per i condimenti, e in infusione sono utilissime per lavare le piaghe nelle malattie nervose.

L’olio estratto dalle sue bacche serve a curare le ulcere maligne e fa bene alla pelle.

Con le foglie fresche si prepara anche una pomata per curare le ulcere, e per le ostruzioni del fegato fa bene la corteccia dell’alloro bevuta con vino.

Le foglie tenere dell’alloro schiacciate sono eccellenti contro i morsi degli animali velenosi(T.A., Recetario).

I frati cappuccini hanno mostrato un interesse speciale per la coltivazione dell’alloro e hanno affermato che è una pianta che non ha bisogno di troppa attenzione, ma va seminata nel mese di marzo in una terra ben concimata “mettendo quattro olive in una fossa profonda 30 centimetri, e dopo un anno si può trapiantare. Ama la buona terra ben preparata e ricca di sali. Ogni oliva viene posta a quattro dita di distanza. Visto che le olive dell’alloro tardano molto ad aprirsi, sarà bene metterle prima in ammollo, perché siano ben gonfie” (BHC, Lo jardiner florista, II-117).

Di questo olio di alloro ha parlato in modo molto positivo nel 1592 il celebre studioso di farmacia fra’ Antoni Castell, monaco di Montserrat: “L’olio di alloro è (…) economico (…). Questo olio, come molti altri, non dev’essere preparato se non al momento del bisogno” (Theórica y práctica de boticarios, ff. 249-250).

———-

Di fra’ Valentí Serra de Manresa, archivista dei cappuccini

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
medicinasalute

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
EUCHARIST
Philip Kosloski
Preghiere da recitare all’elevazione dell’Ostia a Messa
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
GETAFE
Dolors Massot
Due sorelle giovanissime diventano suore contemporaneamente a Mad...
5
Gelsomino Del Guercio
Don Ambrogio Villa: il demonio mi ha fatto vergognare durante un ...
6
THERESA GIUNI
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Giuni Russo è giunta fino a Cristo per mano d...
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni