Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 31 Ottobre |
San Marciano di Siracusa
home iconCultura
line break icon

5 modi per combattere il traffico di esseri umani

Tenth Avenue North - pubblicato il 11/01/16

Il traffico di esseri umani è un crimine contro l’umanità, e noi come cristiani non possiamo chiudere un occhio di fronte a questa piaga. Cristo è venuto a liberare i prigionieri, e oggi dobbiamo essere il Suo corpo che agisce. Dobbiamo essere le Sue braccia che abbracciano le vittime. Dobbiamo essere la Sua voce che parla per chi non ha voce.

La band Tenth Avenue North ha scritto la canzone “For Those Who Can’t Speak” per aumentare la consapevolezza sul traffico di esseri umani, e invita a condividerla usando l’hashtag #SlavesNoMore.

Ma questo è solo il primo passo. Il cosiddetto “attivismo hashtag” è importante per creare una consapevolezza, ma cosa accade 48 ore dopo, quando viene sepolta sotto l’ultima notizia riguardante la showgirl di turno? Cosa succede alle vittime? Sappiamo tutti che esistono, ma cosa stiamo facendo al riguardo?

Ecco 5 modi per andare al di là dell’hashtag e combattere il traffico di esseri umani:

1. Preghiera e digiuno

Stiamo combattendo una grande battaglia e abbiamo bisogno della migliore risorsa che abbiamo a disposizione: la grazia, la forza e la misericordia di Dio. Pregare per le vittime: anche chi ne è uscito ha davanti a sé una lunga strada di guarigione. Pregare per chi è in prima linea nella lotta al traffico di esseri umani. Pregare per i nostri politici e per i legislatori. E sì, pregare per le persone coinvolte, per chi perpetra il traffico. Pregare e digiunare in riparazione per i loro peccati e chiedere la misericordia di Dio.

2. Educarsi

Il traffico di esseri umani coinvolge bambini e adulti, ragazze e ragazzi. Il traffico sessuale dilaga, ma lo fa ancor di più il lavoro forzato. Si verifica ovunque, non solo nei Paesi in via di sviluppo.

Informatevi: guardate un film o leggete un libro. Imparate i fatti e sbarazzatevi dei luoghi comuni. Riconoscete i segni delle vittime nel caso in cui ne incontriate una, soprattutto se vivete in una città.

3. Informarsi a livello politico

Siti web come quello del progetto Polarisvi terranno informati sulla legislazione attuale. Di recente è stato presentato al Congresso degli Stati Uniti un nuovo disegno di legge che rafforza la trasparenza nei sistemi di approvvigionamento, intendendo che le compagnie devono essere oneste sulla provenienza della manodopera e dei materiali.

4. Essere consumatori responsabili

Parlando di sistemi di approvvigionamento, sapete da dove vengono i beni che acquistate? Siti web come slaveryfootprint.org vi aiutano a identificare le cose che comprate che magari derivano dal lavoro forzato. All’inizio può sembrare schiacciante, ma fate un passo per volta. Scegliete una cosa, ad esempio caffè o cioccolata del commercio solidale al posto di quelli che consumate abitualmente.

5. Trovate la vostra nicchia

Leggere di questioni di giustizia sociale spaventa. Tende a lasciarci paralizzati: “Cosa posso fare di buono?” È troppo per una persona sola. Anziché cercare di salvare il mondo, chiedetevi: “Cosa posso fare io, proprio qui e proprio ora?” Ci sono moltissime piccole cose che potete fare dove siete. Avete un vecchio cellulare? Donatelo per aiutare a creare canali regolari di comunicazione in zone ad alto rischio per il traffico di esseri umani. Aiutate un bambino tenendolo lontano dal traffico.

Iniziate dalle piccole cose. Iniziate oggi.

È il vostro turno.

Libby Reichert

cecilia album cover
copyright tenth avenue north

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
Ceciliagiustizia socialemusica cristianatraffico di esseri umani
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Annalisa Teggi
"Dite ai miei figli che li amo": ecco chi è l...
Lucandrea Massaro
Sale il numero di morti nell'attentato di Niz...
ERIN CREDO TWINS
Cerith Gardiner
“Dio ha senso dell'umorismo”: coppia di genit...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
EMILY RATAJKOWKSI
Annalisa Teggi
Emily Ratajkowski: scoprirò il sesso di mio f...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Silvia Lucchetti
Rischiava l'amputazione delle gambe. Oggi ha ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni