Aleteia
martedì 27 Ottobre |
Santi Luciano e Marciano
Chiesa

Ecco l'anima dei pastori del presepe napoletano

Tipico presepe napoletano

Marinella Bandini - pubblicato il 08/01/16

Una passeggiata a via San Gregorio Armeno, dove le statuine diventano creature. Una galleria di volti

Un ultimo tuffo nel presepe, prima di riporre gli addobbi del Natale 2015. Ce lo offre una passeggiata a Napoli, nella “via dei presepi”, San Gregorio Armeno. A Napoli il presepe sono i pastori. È su queste figure che si concentra la passione degli artigiani. Hanno una “anima” in fil di ferro e stoppa che li rende articolabili, la testa in terracotta dipinta, gli occhi in vetro, gli arti in terracotta o legno. Il tutto ricoperto da eleganti vestiti, possibilmente confezionati con le sete di San Leucio.

E poi c’è l’anima vera, quella che che l’artista trasmette ai suoi pastori quasi come un alito di vita. Perché il pastore, qui, non è uno dei tanti personaggi che compongono la scena, ma una creatura unica a cui l’artista dà vita. Entriamo nella bottega di Ugo Esposito, dalle cui vetrine si affacciano pastori di ogni taglia e fattura. È nato in queste strade del centro ed è andato a bottega da ragazzo: “Sono cresciuto in mezzo ai pastori (del presepe, ndr), mi piace l’arte, non è una cosa per fare soldi”. Benino è immancabile: disteso sul suo pagliericcio, dorme, con un sorriso che gli dipinge il volto, e sogna… sogna il presepe. Poco dopo arriverà davanti alla Natività, e qui viene “immortalato” con la sua espressione di “pastore dello stupore”. Tra i personaggi tipici: l’oste, fruttivendoli, macellai, venditori, arrotini e falegnami, una sorta di “quattro stagioni” della vita, perché “sul presepe c’è tutto, tutta la vita come si svolge”.

Sbucano la donna col bambino, la zingara, i giocatori di carte e anche la “capera” che ripuliva le teste dai pidocchi e che è un po’ il sinonimo della pettegola del paese. In qualche modo una parrucchiera ante litteram… Il preferito di Ugo è il nano, un personaggio grottesco ma considerato una specie di portafortuna. È il più bello delle sue creazioni, con i tratti orientali e un turbante a coprire la cresta dei capelli. Dalle vetrine si affacciano poi i magi, con il loro seguito, e i musici, generalmente di razza turco-anatolica e da mori provenienti dall’impero Ottomano.

Sviluppatissima anche l’arte delle suppellettili e della riproduzione di animali e frutta/verdura. Come i carciofi, rigorosamente di Capua: tondi e un po’ rossastri, a causa del recipiente di terracotta usato per dargli la forma. Certo, oggi gli artigiani devono far fronte alla richiesta di un pubblico più ampio, con proposte commerciali come statuine che rappresentino i divi del momento (calciatori, cantanti, anche il Papa), ma il cuore batte nel ‘700, quando l’arte presepiale ha raggiunto il suo apice. E di movimenti e statuine meccaniche neanche l’ombra.

Poco distante c’è uno dei laboratori più famosi, quello di Giuseppe e Marco Ferrigno. Varcare la soglia è come entrare in un’altra dimensione, fatta di calchi in gesso, argilla, pennelli, scovolini e punteruoli per le rifiniture, gesso e colori. E nella bottega campeggiano le scenografie tipiche dei presepi napoletani: l’osteria, l’arco spezzato, le case arroccate.

La tradizione del presepe napoletano affonda le sue radici già nel ‘500 ma conosce il suo apice nel ‘700 quando i presepi iniziarono a essere allestiti nelle case dei nobili del tempo, a partire da Carlo III di Borbone, un vero appassionato. In questo periodo il presepe diventa una forma d’arte – e come tale anche molto dispendiosa; nelle residenze dei nobili lavorano artisti come Giuseppe Sanmartino, iniziatore di una vera e propria scuola. Da allora il presepe napoletano ha conservato caratteristiche sue proprie. E le scenografie, sono rimaste quelle dell’epoca. Rappresentano un tipico paesaggio napoletano, solitamente diviso in tre quadri: l’annuncio, la natività (collocata sotto un arco spezzato, a indicare il trionfo del Cristianesimo sul paganesimo) e la taverna, luogo della distrazione e quello che ha chiuso le porte a Maria e Giuseppe.

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Gelsomino Del Guercio
Scomunicato Vlasic, ex padre spirituale dei v...
Padre Fortea exorcista
Francisco Vêneto
Il demonio e le chiese date alle fiamme: per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Mirko Testa
Quali lingue parlava Gesù?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni