Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 09 Marzo |
San Giovanni di Dio
home iconStile di vita
line break icon

“Caro papà, diranno che sono una ragazza facile” (+18)

Catholic Link - pubblicato il 28/12/15

di Luisa Restrepo

Potremmo parlare molto del bullismo, del machismo, del femminismo e della violenza contro le donne. Ciò che è certo è che ci sarebbe molto più di che parlare e molti loderebbero il nostro punto di vista.

Il video di oggi si intitola “Caro papà, diranno che sono una ragazza facile”. È un corto forte e tristemente azzeccato. Da un lato ci apre gli occhi sulle conseguenze del sessismo nei commenti, spesso machisti e dispregiativi, dall’altro ci fa porre questa domanda: “Dobbiamo pensare che le condotte indebite come lo stalking e la violenza siano una conseguenza del fatto che questi commenti vengono considerati ‘normali’ nel nostro ambiente?”. Non lo so.

[youtube
Per me è molto semplice: la base del problema si ritrova nella scarsa comprensione che la donna ha di se stessa e del suo valore. Purtroppo, bisogna ammetterlo, il mondo non ci aiuta molto. Ci abbindola con il femminismo e l’uguaglianza, il tutto perché la donna non sa chi è, in cosa risiede il suo valore e qual è il posto che occupa nel mondo.

Per cominciare a capirlo basta guardare la Vergine Maria. È il modello di una donna che sta bene al suo posto, forte di fronte alla pressione della sua epoca, salda nelle sue decisioni (anche se era un’adolescente) e soprattutto libera.

Vi lascio qualche estratto da un testo di José Luis Martín Descalzo che riassume molto bene quello che voglio dire:

Grazie, Maria, per essere stata una donna come mia madre e per esserlo stata in un momento in cui essere donna era come non essere niente.
Grazie per essere stata una donna libera e liberata, la donna più libera e liberata della Storia, l’unica donna liberata e libera della Storia, perché sei stata l’unica non legata al peccato, l’unica non soggiogata dalla volgarità, l’unica che non è mai stata mediocre, l’unica veramente piena di grazia e di vita.
Ti ringrazio perché hai saputo trovare la libertà essendo schiava, accettando l’unica schiavitù che libera, la schiavitù di Dio, e non ti sei mai avvolta in tutte le altre schiavitù che legano noi.
Ti rendo grazie perché hai avuto il coraggio di prendere la vita a due mani, perché quando è arrivato l’angelo hai avuto il coraggio di preferire la tua missione alla tua comodità, perché hai accettato la sua missione sapendo che era una strada tutta in salita, una strada in salita che finiva con un Calvario.
(…) Grazie per la tua libertà quando hai parlato a Elisabetta. Grazie perché hai avuto il coraggio di dire che Dio avrebbe rovesciato i potenti, senza preoccuparti di quello che avrebbe potuto pensare Erode.
Grazie per aver saputo che eri povera e che Dio ti aveva scelta proprio perché lo eri. Grazie perché hai saputo parlare dei ricchi senza rancore, ma mettendoli al proprio posto: il vuoto.
Grazie perché hai saputo essere la più materna delle vergini, la più virginale delle madri. Grazie perché hai inteso la maternità come un servizio alla vita, e che Vita!
Grazie per aver saputo essere una donna del popolo, per non aver avuto bisogno né di angeli né di servitori che ti facessero il pane e ti preparassero i pasti. Grazie per aver saputo vivere senza miracoli né prodigi.
Grazie per aver saputo che essere piena non significava esserlo di titoli e onori, ma d’amore.
Grazie per aver rispettato la vocazione di tuo Figlio quando è andato incontro al suo destino, per non avergli dato consigli prudenti.
Grazie per aver saputo rimanere in silenzio e nell’ombra durante la sua missione, ma sostenendo da lontano il gruppo di donne che seguivano tuo Figlio.
(…) Grazie per essere stata la donna più intera che sia mai esistita e grazie soprattutto per essere stata l’unica donna di tutta la Storia a tornare integra nelle braccia di Dio”.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE

Tags:
bullismodonne
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Lucandrea Massaro
Blasfemia a Sanremo: “Perché mi percuoti?”
2
MAN, DARKNESS, FACE
Annalisa Teggi
Quando al diavolo scappò detto cosa può davvero fare la preghiera
3
SANREMO, FIORELLO, AMADEUS
Annalisa Teggi
10 canzoni che hanno parlato di Dio dal palco di Sanremo
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
6
FETUS 3 MONTH,
Padre Maurizio Patriciello
Puoi parlare di aborto perché tua madre non ti fece trascinare vi...
7
Franciscan Mission of Legnano
Cerith Gardiner
Gustatevi la gioia di questi frati e suore francescani che ballan...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni