Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 14 Giugno |
Sant'Eliseo
home iconChiesa
line break icon

La Benedizione dell’Utero, una proposta spirituale femminista del New Age

Joel Ormsby-CC

Luis Santamaría del Río - Aleteia - pubblicato il 28/12/15

Migliaia di donne diffondono in tutto il mondo una cerimonia per diventare delle dee

Forse alcuni si sono sorpresi vedendo un cartello che annunciava per il 22 dicembre 2015 una cerimonia di “Benedizione Mondiale dell’Utero”, da celebrarsi in occasione della luna nuova di dicembre (anche se la luna totalmente piena è prevista per il 25 dicembre, come segnalano i calendari astronomici). Alla Benedizione dell’utero che si è celebrata nell’agosto scorso sembra abbiano partecipato 100.000 donne in 130 Paesi. Di cosa si tratta? Ha qualcosa a che fare con i riti di fertilità di alcuni culti antichi o con la benedizione delle donne incinta che si fa nella Chiesa cattolica?

Come vedremo, non è niente di tutto questo. Si tratta di una delle proposte spirituali presenti nel conglomerato del New Age. Una delle linee principali della spiritualità alternativa è quella femminista radicale, che divinizza la donna e legge tutto ciò che è femminile in chiave sacra. Il personaggio più influente su questa linea è sicuramente Miranda Gray, autrice di Luna rossa e altri libri che sottolineano la spiritualità e la ritualità della gravidanza e del parto, delle mestruazioni e degli organi genitali femminili (chiamati yoni, prendendo il termine orientale del tantra). Vediamo qual è la proposta di questa autrice per poi passare ad analizzare la sua diffusione e la sua influenza.

Un “libro sacro”: Luna rossa

Miranda Gray si presenta come scrittrice, artista e “maestra mestruale e spirituale”. Il suo libro più famoso, che ha occupato posti di spicco nelle grandi librerie di tutto il mondo nella sezione dedicata alla spiritualità, è stato pubblicato nel 1994 con il titolo Red Moon. Queste dottrine vengono quindi diffuse su ampia scala da due decenni.

Quello che all’inizio potrebbe sembrare un tentativo accettabile di dissotterrare i tabù e i pregiudizi relativi alle mestruazioni femminili, che sono una cosa del tutto naturale e necessaria, va oltre proponendo tutto un sistema di credenze e riti. Nella pubblicità del libro, il messaggio alla donna è chiaro: “Luna Rossa ti aiuterà ad accettare la tua natura ciclica e a collegarti a ciascuna delle potenti energie racchiuse nelle quattro fasi del tuo ciclo mestruale; a godere di quelle energie e ad applicarle in modo creativo, sessuale e spirituale alla tua vita quotidiana; a risvegliare i miti ciclici e ad assumerli come un viaggio personale; a dissotterrare i tabù e a vivere in armonia con le varie fasi del ‘ciclo’”.

Nel suo libro, la Gray presenta tutta la sua dottrina sotto forma di racconto nel secondo capitolo, spiegando poi che tutta la mitologia, tutti i racconti e le favole delle varie culture e civiltà vanno letti e interpretati partendo dal ciclo mestruale quando appaiono archetipi femminili. Anche se percepisce questa simbologia anche nella ricerca del Graal, nel culto degli alberi, del serpente e di altri animali, assume la tradizione esoterica secondo la quale Adamo, prima di sposarsi con Eva, si era sposato con Lilith, che era pienamente consapevole della propria sessualità. Segnala anche che nelle Chiese cristiane normalmente “una donna non può essere sacerdote in virtù della sua femminilità, ma proprio questa femminilità e la sua sessualità sono quelle che la uniscono alla consapevolezza del divino”.

Dall’aspetto dottrinale a quello cerimoniale

Guardando al mondo antico, l’autrice ritiene necessario che la società “ristabilisca le cerimonie di iniziazione alla pubertà, quelle collegate alle stagioni e alla luna e quelle di trasformazione di fronte alla morte e alla nascita”. Questo, alla fine, “genererà un luogo nella società per le sciamane, le indovine, le sacerdotesse dell’oracolo, le streghe, le curatrici e le mistiche”. Si promuove chiaramente un ritorno al paganesimo e all’occultismo, e di fronte al paradigma della “Luna Bianca”, che sarebbe l’unico difeso in una società patriarcale, visto che cerca il momento di maggiore fertilità della donna, Miranda Gray difende l’importanza della “Luna Rossa” (quando l’ovulazione coincide con la luna nuova), che si centra sullo “sviluppo interiore”.

A livello personale, con un modello di diagramma lunare (perché ogni donna conosca le caratteristiche del proprio ciclo mestruale), parla delle varie energie che si liberano man mano che passano i giorni, fino al 28°: energie della Vergine, della Madre, della Fattucchiera, della Strega, ecc. Una volta che la donna è consapevole del proprio ciclo, “deve iniziare ad agire con le sue energie”, e per questo l’autrice propone esercizi di visualizzazione, di connessione della mente con l’utero ecc., affermando che la donna deve liberare le proprie energie sessuali e creative, una cosa che la può portare perfino a guarire con l’imposizione delle mani o a praticare la magia e la divinazione.

Miranda Gray propone rituali simbolici di transizione, concentrandosi soprattutto sul passaggio da bambina a donna con il primo ciclo. Oltre alla giustificazione più “dottrinale”, che si basa su figure come Biancaneve, Persefone o Demetra (sempre mitologie, racconti o leggende), l’autrice dà indicazioni sull’aspetto concreto del rituale: il luogo, le persone che ci possono essere e alcuni elementi imprescindibili: “la morte simbolica della bambina” che passa ad essere donna, “il benvenuto della figlia nella fratellanza di tutte le donne e della luna”…

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
new age
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Gelsomino Del Guercio
Strano cerchio bianco sulla testa del Papa. Il video diventa vira...
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
7
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni