Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 07 Marzo |
Sante Perpetua e Felicita
home iconChiesa
line break icon

Perché gli appelli di Papa Francesco sull’amnistia non vengono accolti?

Hand in jail © Sakhorn / Shutterstock

Gelsomino Del Guercio - Aleteia - pubblicato il 23/12/15

E in occasione del Giubileo preghiera e Porte Sante nei penitenziari

Papa Francesco è inascoltato sull’amnistia? I suoi appelli per risolvere la questione delle carceri in Italia sono volontariamente dribblati dalle istituzioni?

GIUBILEO E AMNISTIA

La risposta è affermativa secondo Il Manifesto (23 dicembre), che riprende le parole del Papa pronunciate a favore dell’amnistia. A settembre quando, parlando dell’Anno Santo, disse: «Il Giubileo ha sempre costituito l’opportunità di una grande amnistia, destinata a coinvolgere tante persone che, pur meritevoli di pena, hanno tuttavia preso coscienza dell’ingiustizia compiuta e desiderano sinceramente inserirsi di nuovo nella società portando il loro contributo onesto»

L’APPELLO ALLE “AUTORITA’ STATALI”

A distanze di tre mesi, il 16 dicembre, implacabile, il Pontefice riprende l’argomento e le sue parole non consentono dubbi: «Desidero rinnovare l’appello alle autorità statali (attenzione: rinnovare, nda) per l’abolizione della pena di morte, là dove essa è ancora in vigore, e a considerare la possibilità di un’amnistia».

ARGOMENTO TABU’

Tuttavia, evidenzia Il Manifesto, anche questo secondo e vigoroso richiamo rimane assolutamente inascoltato: al punto che non si apre nemmeno uno straccio di discussione pubblica. Eppure un’amnistia oggi è indispensabile e indifferibile, tenuto conto che le positive misure adottate dagli ultimi due ministri della giustizia, Annamaria Cancellieri e Andrea Orlando, hanno deflazionato una situazione abnorme, ma certo non l’hanno avviata a soluzione.

LE PAROLE DI WOJTYLA

Già nel novembre del 2002 papa Giovanni Paolo II, in visita alla Camera dei deputati chiese «alle pubbliche istituzioni» di manifestare «un segno di clemenza» attraverso una «riduzione della pena per i detenuti». Ci vollero quasi quattro anni prima che il Parlamento approvasse quella «riduzione della pena» (l’indulto).

“MISURE CONCRETE”

Nel messaggio per la 49esima Giornata Mondiale della Pace, che si celebra il primo gennaio 2016 sul tema: ‘Vinci l’indifferenza e conquista la pace’, ricorda AdnKronos.it (15 dicembre), il pontefice ha ancora speso un pensiero per i detenuti: «In molti casi appare urgente adottare misure concrete per migliorare le loro condizioni di vita nelle carceri, accordando un’attenzione speciale a coloro che sono privati della libertà in attesa di giudizio avendo a mente la finalità rieducativa della sanzione penale e valutando la possibilità di inserire nelle legislazioni nazionali pene alternative alla detenzione carceraria».

LA MISERICORDIA NELLE CARCERI

Il ministro Orlando, con un intervento sul quotidiano dei vescovi, Avvenire (18 dicembre), ha spiegato che la via del governo verso la misericordia è il riconoscimento della dignità umana ai detenuti all’interno delle carceri.

“ANCORA MOLTO DA FARE”

Il ministro ha spiegato che l’obiettivo è di avvicinare le condizioni carcerarie italiane agli standard europei e che «resta molto ancora da fare sia per sviluppare pene alternative alla detenzione che per migliorare i meccanismi che regolano la vita negli istituti di pena, incrementando le attività trattamentali, favorendo il mantenimento delle relazioni familiari, agevolando il reinserimento sociale».

PREGHIERE NELLE CAPPELLE

Se da una parte il pontefice lancia messaggi inequivocabili verso l’amnistia, dall’altro sta cercando di rendere l’Anno Santo una piccola luce anche per i detenuti. Tra le novità: l’opportunità che viene concessa ai carcerati di una sosta, da soli, per le preghiere nelle cappelle all’interno di alcune carceri italiane dopo il giorno di Natale; tra gli istituti penitenziari che hanno aderito a questa iniziativa quello di Rebibbia a Roma.

PORTE SANTE NEI PENITENZIARI

Mentre in tutte le carceri italiane verrà aperta, o in alcuni casi è stata già aperta, una Porta Santa. Le porte sante nelle carceri, come spiega il Sir in una nota (21 dicembre), sono state addobbate e decorate dagli stessi detenuti con materiali da riciclo. Ed anche le zampogne hanno fatto il loro ingresso in cella, come è avvenuto tra le mura dell’istituto penitenziario di Cassino.

Tags:
amnistiagiubileo della misericordiapapa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
2
Gelsomino Del Guercio
Prete morto per Covid: lo aveva “profetizzato” in una...
3
SANREMO, FIORELLO, AMADEUS
Annalisa Teggi
10 canzoni che hanno parlato di Dio dal palco di Sanremo
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
FETUS 3 MONTH,
Padre Maurizio Patriciello
Puoi parlare di aborto perché tua madre non ti fece trascinare vi...
6
MADONNA
Maria Paola Daud
La curiosa immagine della Vergine Maria protettrice dal Coronavir...
7
Paola Belletti
Laura Magli, giornalista Mediaset: “Mi sento così amata dal...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni