Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Insegnanti alla mensa dei poveri. Un Natale amaro per 30mila docenti

Condividi

Si tratta di supplenti che da settembre non vengono pagati. Lo sblocco degli stipendi solo a gennaio. E intanto c'è chi bussa alla porta della Chiesa

Un Natale amaro per 30mila supplenti che non ricevono lo stipendio da settembre. La loro situazione si sbloccherà solo tra fine dicembre e gennaio come annuncia il Ministero della Pubblica Istruzione (Orizzontescuola.it, 21 dicembre).

Si sono ritrovati in questa incredibile situazione a causa di fondi insufficienti e ritardi nelle procedure burocratiche per l’emissioni degli stipendi (Lettera43, 21 dicembre).

MANCANZA DI COPERTURE

«In pratica, – ha affermato Giuseppe D’Aprile (dirgente UIL scuola) sul proprio profilo facebook – le spese per le supplenze ricadranno sull’esercizio finanziario 2016 per mancanza di copertura su quello del 2015. Una circostanza ampiamente prevedibile che si è fatta ricadere sui supplenti, lasciandoli senza stipendio. Resta il fatto che i supplenti passeranno il Natale senza soldi» (La Stampa, 22 dicembre).

 

DRAMMA QUOTIDIANO

Per alcuni di questi docenti la quotidianità è ormai drammatica. C’è chi come M.N., ha bussato le porte della Chiesa, recandosi alla mensa dei poveri di Torino perché non ha la possibilità neppure di comprarsi il cibo.

L’AIUTO DELLA MENSA

«Mi sono organizzato per avere libera l’ora tra le undici e mezzogiorno: fino a venerdì, quando si è conclusa la sostituzione malattia che stavo facendo, andavo alla mensa del Sacro Cuore, poi tornavo a scuola. Ora ho accettato una supplenza fino al 30 giugno in due serali, avrò più tempo. So di non essere il solo insegnante a fare questa vita. Non ci pagano da settembre: chi è solo e non è ricco di famiglia a questo punto non ce la fa più».

M.N., 60 anni, abilitazione in Metodologie operative nei servizi sociali, laurea in Psicologia, insegna soprattutto nei corsi serali da sedici anni. A Torino è un riferimento per il suo impegno per i diritti dei disabili e degli immigrati (La Stampa, 21 dicembre).

“NON POSSO PAGARE LE BOLLETTE”

La sua testimonianza è drammatica: «Arrivare alla mensa è ammettere una discesa. Ma se da settembre a Natale hai ricevuto in tutto lo stipendio di quindici giorni e sei indietro con affitto e bollette, allora pensi di essere fortunato a vivere a Torino, dove l’aiuto alimentare a chi è in difficoltà non manca». Ai volontari della mensa ha spiegato la situazione, lo hanno accolto. «Spero che il mio problema non duri a lungo, spero di poter lasciare il posto ad un’altra persona».

https://www.facebook.com/PrecariMiurSenzaStipendio/posts/902682033186295

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.