Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il Natale “unico” dei cristiani di Giordania

Christopher-Rose-CC
Condividi

Quest'anno ricade il quarantesimo anniversario dell'accordo del 1975 tra le varie confessioni. Un caso unico al mondo

400mila fedeli e almeno dieci confessioni religiose differenti. Stiamo parlando dei cristiani di Giordania. Una massa variegata, che ha peculiarità assolutamente uniche al mondo.

LE CONFESSIONI CRISTIANE PRESENTI

In questo paese convivono Cattolici (Chiesa maronita; Chiesa cattolica greco-melchita; Chiesa cattolica caldea; Chiesa cattolica copta; Chiesa armeno-cattolica); Ortodossi (Chiesa greco-ortodossa di Antiochia; Chiesa ortodossa siriaca; Chiesa apostolica armena; Chiesa ortodossa copta); altre (Chiesa assira d’Oriente)

IL MIRACOLO DEL 25 DICEMBRE

Ma il 25 dicembre avviene un piccolo miracolo. Da quarant’anni tutte le Chiese e le comunità cristiane della Giordania celebrano il Santo Natale. In teoria alcune di esse, ad esempio la Copta lo festeggiano in date differenti (29 dicembre nel caso della Copta). Eppure in Giordania si è riuscita a trovare una straordinaria sintesi.

IL “PATTO” DEL 1975

Nel 1975, i capi delle Chiese cristiane concordarono insieme un meccanismo per cui tutti i battezzati del Regno Hascemita celebrano la solennità del Natale il 25 dicembre, seguendo il calendario gregoriano, mentre la Pasqua viene celebrata da tutti i cristiani nel giorno in cui essa cade seguendo il calendario giuliano (Fides, 18 dicembre).

“C’E’ UN SOLO CRISTO”

La Giordania è al momento l’unico Paese al mondo in cui le due principali solennità cristiane vengono celebrate insieme da tutti i battezzati. Tale circostanza, che è motivo di orgoglio per i cristiani del Regno, fornisce occasione di alcune riflessioni interessanti al sacerdote giordano Rifat Bader, direttore del Catholic Center for Studies and Media. «Quale è – si chiede padre Bader – l’importanza di unificare queste feste?» E aggiunge, citando San Paolo: «C’è un solo Cristo, un solo Battesimo, un solo Signore. E allora perchè le feste cristiane non sono celebrate nello stesso giorno?».

IL PATRIARCA E IL PAPA

In Giordania, il Natale è festa nazionale dal 1999, l’anno in cui è asceso al trono Re Abdullah II. Il confronto sulla opportunità di unificare le date delle solennità liturgiche attualmente celebrate in giorni diversi dalle varie Chiese e comunità di battezzati è ripartito soprattutto da quando, nel maggio 2014, il Patriarca copto ortodosso Tawadros II ha inviato a Papa Francesco una lettera ad un anno dal loro primo incontro in Vaticano, in cui era contenuta anche la sollecitazione a unificare la data di celebrazione della Pasqua

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.