Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

“Ratzinger come Dante, ci trascina in una storia d’amore”

Condividi

Viaggio con il prof. Pierluca Azzaro nelle "Omelie di Pentling": campanili, grattacieli e quella vecchietta...

Clicca qui per aprire la galleria fotografica

Supermarket, grattacieli e campane. Le città di oggi e quelle di 2000 anni fa, il Kosovo e Auschwitz. Ratzinger è così, “parla per immagini, non per concetti. Ama le immagini e questo ha una profonda radice teologica. Le Sacre Scritture sono tutte per immagini, Gesù parlava per immagini, le parabole”. Chi parla è il “suo” traduttore, il professor Pierluca Azzaro. È lui che traduce l’opera omnia di Joseph Ratzinger – Benedetto XVI in italiano. E che ha appena curato la traduzione delle “Omelie di Pentling”, dieci brevi testi, omelie appunto, pronunciati dall’allora cardinale negli anni ’80-’90, in occasione di alcuni periodi di riposo nelle cittadina bavarese. Questo libro “serve a sfatare molti luoghi comuni”. Il primo è che Ratzinger parli “difficile”. Niente di più falso, anzi “fesserie” liquida la cosa il professore. Anzi, si sbilancia “a volte dico che Ratzinger assomiglia un po’ a Dante. A Dante possono accedere tutti: i bambini ma anche i grandi teologi”. È un libro pieno di immagini: “Il fine di Ratzinger non è quello di parlarsi addosso, di parlare di sé, di glorificare se stesso. Lui ha un amore veramente profondo per il Signore”.

Come dice lo stesso Ratzinger “pregare incessantemente” non è dire continuamente “Ave Marie” ma “avere una passione che mi agita costantemente come l’amato che pensa sempre alla persona che ama, qualsiasi cosa faccia”. Ecco – incalza Azzaro, “Ratzinger in queste omelie dà proprio questa impressione: qualsiasi cosa faccia, scriva, tratti, emerge sempre questo amore per Gesù. E questo trascina”. Come nei grandi film o romanzi d’amore: “I testi di Ratzinger hanno questa poesia, esprimono questa sua grande storia d’amore con Gesù, che ci coinvolge”.

Il cardinale, poi diventato Papa, “si esalta nelle omelie, dà il meglio di sé”. E “come si accorgerà ognuno che leggerà questo libro, siamo in quel momento tutti parrocchiani della parrocchia di Pentling, di Ratzinger”. Lo stesso Papa emerito, nella prefazione scritta per questo libro ci invita ad andare a Messa con lui e con lui porci in ascolto del Signore. Sono “prediche per i piccoli” i cui contenuti sono “accessibili a tutti”.

Il professor Azzaro ci riporta un episodio, raccontato dagli allievi di Ratzinger, che esprime bene il suo approccio alla teologia: il giovane professore un giorno entrò in chiesa e vedendo una vecchietta in ginocchio che pregava disse: “Vedete quella vecchietta in ginocchio che prega? Sa molto più di teologia lei che non io”. Una storia che ricorda quella raccontata durante il primo Angelus da Papa Francesco, quando una anziana donna andò da lui a confessarsi: “(…) ‘Il Signore perdona tutto’, mi ha detto: si cura. ‘Ma come lo sa, lei, signora?’. ‘Se il Signore non perdonasse tutto, il mondo non esisterebbe’. Io ho sentito una voglia di domandarle: ‘Mi dica, signora, lei ha studiato alla Gregoriana?’, perché quella è la sapienza che dà lo Spirito Santo”. A proposito. Evitare di cadere in facili contrapposizioni, che piacciono tanto ai media: “Si è creata una contrapposizione tra Francesco, che parlerebbe in modo semplice, semplicistico, e Papa Benedetto, che parlerebbe in modo forbito, quasi inaccessibile. Queste prediche dimostrano che non è così. Ambedue questi pontefici hanno il fine ultimo di trasmettere la bellezza della fede”.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.