Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 05 Agosto |
Sant'Oswaldo di Northumbria
home iconChiesa
line break icon

Indovinate chi inviò il primo cappellano antartico

Pixabay.com/Public Domain

Alver Metalli - Terre D'America - pubblicato il 21/12/15


Percorre un centinaio di metri all’aperto sferzato dal vento finché deposita l’albero sulla cresta della pinguinera – così viene chiamata la colonia di pinguini – perché possa fotografarlo. I pinguini, centinaia, osservano la scena perplessi; dopo alcuni minuti i primi caracollano verso la pianta colorata. Scattate le foto l’albero natalizio torna al suo posto nella mensa, che la vigilia di Natale si trasformerà nella navata di una chiesa con un autentico celebrante dietro l’altare. Un lusso che non è stato frequente in questi anni. “Qualche volta, poche, la celebrazione l’ha presieduta un cappellano militare inviato in missione dal comando antartico” fa sapere Leonidas Adrian Torres, cui toccherà officiare il rito, “ma per lo più si celebra una liturgia della parola e un ministro dà la comunione con le ostie consacrate in precedenza”. Il cappellano antartico quest’anno ha fatto il suo bottino: 2 prime comunioni, 8 cresime e un matrimonio. “Gli hanno impartito il catechismo due sottufficiali per un anno, tutti i venerdì, con qualsiasi tempo” precisa Leonidas Adrian Torres. “I genitori di una cresimanda che erano sposati civilmente da 11 anni, Mariana e José, vedendo la figlia hanno maturato la decisione di sposarsi in Chiesa”. E così è stato. Quest’anno il Natale sarà diverso, tutto genuino: confessioni, un momento di catechesi per chi vuole, messa natalizia con tanto di sacerdote in carne e ossa. E preghiera per il Papa argentino alla fine. La cappella San Francisco de Asís ha un altro primato racconta Leonidas Adrian Torres: “Subito dopo la proclamazione di Jorge Mario Bergoglio come Papa Francesco il cappellano castrense dell’Esercito argentino Bernardo Conte Grand celebrò una messa proprio qui”. Quest’anno invece ci penserà lui. E dopo la messa, come nelle migliori tradizioni, gran cenone. Il menù lo annuncia il cuoco, Luís Ernando Herrera: cena fredda a base di maiale, lingua in vinaigrette, lombo al forno e insalate varie, torta e brindisi finale.

Le quattro ragazze di Radio Nacional Arcángel San Gabriel hanno già registrato gli auguri natalizi e si sono congedate dagli ascoltatori sparsi per il mondo. Sulla parete nella sala di trasmissione dove siedono tre ore al giorno una enorme cartina geografica ha tanti spilli appuntati. Indicano i luoghi dove sono arrivate le onde corte della prima radio del continente antartico: Ucraina, Ungheria, Finlandia, Germania, Danimarca, Olanda, Francia, Austria, Spagna Brasile, Malesia… “Intercettano le frequenze della radio 15476 kHz e ci scrivono mail”. Loro, Claudia, Miriam, Nancy e Marcela, se ne andranno con le famiglie verso il continente, quando il tempo vorrà. Altre prenderanno il loro posto per un nuovo anno antartico, fino al prossimo Natale. Quello di quest’anno si prevede ventoso. Per il 25 dicembre il servizio meteorologico di base Marambio, prevede nevicate moderate, dunque una temperatura che oscillerà tra i tre gradi sopra lo zero e i meno cinque, con venti di 50-60 chilometri. “Un’estate per i pinguini, abituati a temperature estreme di 40 gradi sotto zero con venti fino a 200 chilometri”, scherza il sottufficiale Juan Antonio Alegre, addetto all’Osservatorio meteorologico di superficie. Loro, i pinguini, non si lamentano. Per le 120 mila coppie che popolano i dintorni della base è epoca di riproduzione. “Arrivano in loco a metà settembre con una puntualità cronometrica e se ne vanno a fine febbraio” ci informa Anahí Silvestro responsabile scientifica della base. I Natali li hanno visti tutti duemilaquindici.

IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE

  • 1
  • 2
Tags:
papa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
MADELEINE PAULIAC
Sandra Ferrer
La dottoressa che aiutò a partorire delle suore violentate
2
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
3
DEVIL, 2020, ADVERTISING
Gelsomino Del Guercio
Il potere malefico degli angeli cattivi: fin dove può arrivare il...
4
BISHOP BARRON
Francisco Vêneto
Il vescovo Barron mette in guardia sull’ideologia del testo...
5
CARLO ACUTIS
Violeta Tejera
La prima vetrata che ritrae Carlo Acutis in jeans e scarpe da gin...
6
NEWBORN, GIRL
Annalisa Teggi
Genova: neonata lasciata nella culla per la vita. Affidata, non a...
7
DOCTOR
Vanderlei de Lima
La sofferenza è una punizione di Dio?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni