Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

“Una guarigione inspiegabile”. Ecco il miracolo di Madre Teresa di Calcutta

© Túrelio
Condividi

Sarà santa nel settembre 2016. Il Postulatore della Causa di Canonizzazione racconta i dettagli del miracolo

L’ok del Papa è arrivato nel giorno del suo compleanno. Francesco ha ratificato giovedì 17 dicembre, il riconoscimento del miracolo attribuito all’intercessione di Madre Teresa di Calcutta e ha disposto di promulgarne il decreto. Si chiude così l’iter del processo super miro per “l’apostola degli ultimi”, che sarà canonizzata con ogni probabilità il 4 settembre, nell’Anno Santo della Misericordia. La data verrà resa pubblica nel prossimo Concistoro (Avvenire, 18 dicembre).

Peace Nobel Prize Mother Teresa hugs a child in West Beirut 14 August 1982. Mother Teresa visited the children who were in the Islamic Home which was shelled during the Israeli attacks on West Beirut. The children are now being evacuated to the mountains after living for several days without food and water. Mother Teresa will be beatified, 19 October 2003, in a ceremony in St Peter's Square, Vatican. The beatification ceremony is the penultimate step to being canonised a saint and has been the shortest in modern history. Following the beatification, a second miracle has to be verified by the Vatican before Mother Teresa can be proclaimed a saint.     AFP PHOTO DOMINIQUE FAGET / AFP / DOMINIQUE FAGET
DOMINIQUE FAGET / AFP

Il 15 dicembre, il caso di guarigione straordinaria è stato sottoposto alla valutazione ultima del congresso dei vescovi e cardinali riuniti in Congregazione, i quali dopo aver ascoltato l’esposizione di un “ponente” hanno espresso il loro giudizio pienamente positivo da sottoporre all’approvazione del Papa. È stato questo l’ultimo gradino della procedura di giudizio nella fase romana del processo sul miracolo, iniziato nel giugno di quest’anno nella diocesi di Santos in Brasile e che porterà la beata Madre Teresa agli onori degli altari della Chiesa universale.

INFEZIONE VIRALE AL CERVELLO

Il Postulatore della causa di canonizzazione di Madre Teresa, padre Brian Kolodiejchuk, racconta con precisione il miracolo che ha portato alla decisione di papa Francesco di proclamarla santa. «Il caso riguarda la guarigione miracolosa che ha avuto luogo nel 2008 a Santos, Brasile. Il caso riguarda un uomo con una infezione virale del cervello che ha prodotto più ascessi con idrocefalo triventricolare».

301220645_a5724501b4_z
Flickr/Fr. Gaurav Shroff/CC

GRAVISSIMO E INTUBATO

I vari trattamenti assunti non sono stati efficaci, e, quindi, le sue condizioni sono peggiorate sempre di più. Il 9 dicembre 2008, il paziente era in uno stato clinico acuto: idrocefalo ostruttivo; era in coma e stava morendo. Si è quindi deciso di procedere con un intervento chirurgico d’urgenza. Alle 18:10 il paziente è stato portato in sala operatoria, ma l’anestesista non ha potuto eseguire l’intubazione tracheale per l’anestesia.

PREGHIERE DI INTERCESSIONE

Nel frattempo, prosegue padre Kolodiejchuk, dal marzo 2008 la moglie del paziente ha di continuo cercato l’intercessione della Beata Madre Teresa per il marito. Alle sue preghiere di intercessione si sono aggiunte quelle dei suoi parenti, amici, e il parroco. Quello stesso giorno, il 9 dicembre 2008, quando il paziente è entrato in grave crisi e ha dovuto essere trasportato per un intervento di emergenza, sono state intensificate le preghiere rivolte alla Beata Teresa per la sua guarigione. Proprio tra le ore 18.10 e 18.40 la moglie del paziente è andata nella sua parrocchia, e insieme con il parroco, si è rivolta alla Beata Teresa invocando con maggiore determinazione la guarigione del marito morente.

7754816058_5dc0d58672_z
Flickr/Troy/CC

SVEGLIO E SENZA DOLORE

Alle 18.40 il neurochirurgo è tornato in sala operatoria e ha trovato il paziente inspiegabilmente sveglio e senza dolore. Il paziente ha chiesto al medico, «Cosa sto facendo qui?”. La mattina dopo, 10 dicembre 2008, quando alle 7.40 ha esaminato il paziente, lo ha trovato completamente sveglio e senza mal di testa; era asintomatico e con funzioni cognitive normali.

COMPLETAMENTE GUARITO

Il paziente, ora completamente guarito, ha ripreso il suo lavoro come ingegnere meccanico senza particolari limitazioni. In più, va sottolineato che a causa dell’intensa e prolungata immunosoppressione e degli antibiotici, i test avevano mostrato uno stato di sterilità; nonostante ciò, la coppia ha ora due bambini sani, nati nel 2009 e nel 2012.

“GUARIGIONE INSPIEGABILE”

Il 10 settembre di quest’anno, conclude il Postulatore, «la commissione medica ha votato all’unanimità che alla luce delle attuali conoscenze mediche la guarigione è inspiegabile. L’8 ottobre anche la commissione teologica votato all’unanimità che vi era un perfetto collegamento di causa ed effetto tra l’invocazione di Madre Teresa e la guarigione scientificamente inspiegabile. Il 15 dicembre il caso ha ricevuto l’approvazione finale del congresso di Cardinali e Vescovi della Congregazione per le Cause dei Santi riuniti in sessione ordinaria».

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni