Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 24 Giugno |
San Giovanni Battista
home iconChiesa
line break icon

La manina di Gesù, Porta Santa. Accoccolato dalla carezza di Papa Francesco

© Villareal / ALETEIA

Don Fortunato Di Noto - Pontificio Consiglio Giustizia e Pace - pubblicato il 16/12/15

Una riflessione per il Natale di Don Fortunato Di Noto, Fondatore di Meter

«Mi sono accoccolato nella carezza di Papa Francesco. Secondo me,  ama i bambini, in particolare modo quelli sofferenti, dandogli voce e rendendogli giustizia e dignità. Gridando ad alta voce il nostro dolore, condannando chi causa sofferenza e indifferenza, mettendosi dalla parte dei piccoli. Al momento della richiesta a Papa Francesco di benedirmi a nome di tutti i bambini abusati, ho notato il viso del Papa sofferente e dispiaciuto ma non ha esitato neanche un attimo a compiere il gesto di benedizione, dicendomi: coraggio. Dopo avermi benedetto, mi ha accarezzato il viso molte volte, anche quando sembrava che il suo sguardo e la sua attenzione fosse rivolta altrove, mi ci sono accoccolato, e ho visto nel suo volto luce e pace. Questa esperienza mi ha lasciato,  protezione e ascolto dal Papa con i suoi gesti di tenerezza  che ha agito secondo un mio desiderio, con la voglia di rendermi felice».

Sono le riconoscenti espressioni che un bambino di 12 anni ha voluto mandarmi dopo aver ricevuto i gesti di tenerezza e la carezza di Papa Francesco, che lo hanno reso felice. Un bambino che nella carne e nello spirito ha vissuto la negazione della sua intimità. Una ferita avvenuta dentro le mura di un luogo che doveva essere invece ‘protettivo e sicuro’. Triste e drammatica storia che gli ha rubato e negato quel luogo, sembrerebbe l’estensione dell’esperienza ‘ non c’era posto per loro”, che tristezza, spesso chi viene abusato, chi subisce violenza viene escluso, ma nella ‘casa del Papa’ è stato accolto, abbracciato, coccolato. Lo ha ‘guarito’ e riconciliato. Viva esperienza di Gesù,  intensa ed emotiva partecipazione che ha aperto la felicità che è dono dell’Amore. Che sguardo d’amore accogliente e riconciliante. Quanto Amore misericordioso di Dio  si è presentato nei gesti, nelle parole di chi compie la volontà di Dio. E’ vero: solo la misericordia – ci ripete Papa Francesco – può cambiare il mondo lacerato da discordie e da divisioni e frena la mano dell’aggressore, converte la vita per chi è nell’oscurità. Perché una carezza ‘accoccola’ ed ha la potenza evocatrice della memoria del Natale di Gesù Bambino; una memoria viva, intensa, forte che supera lo sterile ostracismo ideologico di un evento che ha portato luce e speranza per chi è afflitto, perduto, violato, lacerato, calpestato, dimenticato. Tutto questo, e altro ancora, ci fa conoscere Dio Amore, che non può essere confuso con Beliar, il malvagio. Le idolatrie e le ideologie sono così pervasive e ingannatrici che possono utilizzare l’innocenza per fini e scopi disumani. Nessun bambino è un prodotto ‘commerciale’, vendibile  e manipolabile.

Come non pensare a tanti piccoli (700, solo nel 2015 – fonte: Migrantes), prediletti del Signore, che in quel mare Mediterraneo hanno perso la vita. Come non pensare a chi è sfruttato, dimenticato, soppresso, lacerato nella dignità,  i bambini per primi devono essere  protetti e tutelati. Chi protegge un bambino è capace di proteggere il creato. Non è più tollerabile questa situazione di sfruttamento e negazione.

Quanto pianto, quante lacrime che sgorgano da chi ha un cuore vivo e non malato di egoismo. Tanto è il dolore, che ci spinge ad amare, a non chiuderci nella nostra sclerotica paura dell’altro.  I nostri presepi, nelle piazze, nelle case, nelle scuole, nelle fabbriche, e spesso realizzati anche da chi si pone contro la vita, nelle periferie esistenziali ed anche ‘digitali’ saranno non statuine insignificanti, se concretizzano la speranza dell’accoglienza, della pace e della riconciliazione. Chi accoglie uno di questi piccoli, accoglie me (cfr. Mt. 10,40).

Il Natale, non è utopia, realizza il compimento di una promessa:  spezzerai le catene della malvagità, rimanderai liberi gli oppressi, dividerai  il pane con l’affamato, vestirai chi vedi nudo. Allora la tua luce sorgerà come l’aurora, la tua ferita si rimarginerà presto (Isaia 58, 6-8). Chi accoglie Lui diventerà luce, si trasformerà in amore operoso, concreto.

Quella carezza ‘accoccolata’, accogliamola come dalla manina di Gesù Bambino (Mt 11, 28-30). Non possiamo non donarla a chi è afflitto e disperato. È, quella manina,  la prima porta carica di misericordia. È la ‘porta per i bambini’. Per tutti.

QUI L’ARTICOLO ORIGINALE

Tags:
giubileo della misericordiainfanzia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
3
Giovanni Marcotullio
«I rapporti prematrimoniali?» «Un vero peccato!» «Ma “mortale”?» ...
4
saint paul
Giovanni Marcotullio
La Santa Sede contro il ddl Zan: è caso diplomatico
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
COUPLE GETTING MARRIED
Gelsomino Del Guercio
Il matrimonio si celebra in casa. La svolta della diocesi di Livo...
7
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni