Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 19 Giugno |
San Romualdo
home iconChiesa
line break icon

Perché a Messa non si dice “Amen” alla fine del Padre Nostro?

Angel Cantero / Iglesia en Valladolid

Aleteia - pubblicato il 15/12/15

La cosa corretta è terminare le preghiere con “Amen”. Perché in questo caso non è così?

La parola “Amen”, uno dei vocaboli più utilizzati dai cristiani, è difficilmente traducibile nel suo senso più profondo (per questo viene mantenuta in ebraico, la lingua originale) e si utilizza sempre in relazione a Dio.

Pronunciare questa parola è proclamare che si considera vero quello che si è appena detto, con l’obiettivo di ratificare una proposizione o di unirsi a lei o a una preghiera.

Per questo, espressa in gruppo nell’ambito di un servizio divino o di un officio religioso, significa anche “essere d’accordo” con quanto espresso.

La parola “Amen” si usa sempre per concludere le preghiere, ma la preghiera per eccellenza, il Padre Nostro, si conclude sempre con l’“Amen” tranne quando si recita alla fine della Messa.

Bisogna segnalare che il Padre Nostro è l’unica preghiera della Chiesa inserita di per sé nella liturgia della Messa.

Qual è la spiegazione? Semplicemente, non si dice “Amen” perché la preghiera non è ancora terminata.

Dopo che l’assemblea ha concluso dicendo “liberaci dal male”, anziché dire “Amen” il sacerdote continua parlando da solo. La liturgia definisce questo fatto con una parola specifica, “embolismo”: è una preghiera che raccoglie e sviluppa una preghiera precedente.

Il sacerdote sviluppa l’ultima richiesta del Padre Nostro (liberaci dal male) e continua dicendo:

“Liberaci, o Signore, da tutti i mali, concedi la pace ai nostri giorni, e con l’aiuto della tua misericordia vivremo sempre liberi dal peccato e sicuri da ogni turbamento, nell’attesa che si compia la beata speranza e venga il nostro salvatore Gesù Cristo”.

E il popolo risponde con un’antichissima acclamazione, la cui origine si perde nei primi secoli della storia della Chiesa:

“Tuo il regno, tua la potenza e la gloria nei secoli”.

Il Padre Nostro è quindi totalmente integrato nella liturgia eucaristica, non come un’aggiunta, ma come una sua parte fondamentale.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
amenpadre nostropreghiera
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
conduttore rai 1 diventa prete
Gelsomino Del Guercio
Addio al giornalismo: Fabrizio Gatta, il volto noto di Rai1, dive...
3
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
4
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
5
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
6
MATKA TERESA Z KALKUTY
Cerith Gardiner
In caso di necessità, l’efficacissima preghiera da 5 secondi di m...
7
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni