Aleteia
martedì 20 Ottobre |
Santa Maria Bertilla Boscardin
Chiesa

«Io da solo col Papa prima dell’apertura della Porta santa»

Messaggero di S. Antonio/Creative Commons

Vatican Insider - pubblicato il 06/12/15

Parla Franco Camaldo, per 30 anni cerimoniere pontificio, che racconta la notte di Natale 1974, quando Montini avviò il Giubileo

di Paolo Petrini

Monsignor Franco Camaldo, canonico vaticano, per circa 30 anni cerimoniere pontificio al servizio di san Giovanni Paolo II, di papa Benedetto XVI e di papa Francesco, fu presente all’apertura della Porta santa, nell’ormai lontano 24 dicembre 1974, servendo come chierico al solenne rito e alla successiva santa Messa celebrata dal beato papa Paolo VI nella Basilica vaticana.

Abbiamo chiesto a Camaldo di raccontarci i suoi ricordi e le sue emozioni.

Monsignore, come mai Lei partecipò a quella santa Messa servendo al Papa come chierico ministrante incaricato di portare il libro, come si evince dalle foto del tempo?

«La decisione fu dell’allora maestro delle Cerimonie pontificie, monsignor Virgilio Noè, che scelse i chierici del Pontificio Seminario romano maggiore – fra i tanti seminari e collegi che ne avevano fatto richiesta – per svolgere il servizio liturgico in quella solenne celebrazione. E Monsignor Rettore scelse 15 seminaristi: fra questi anch’io. In verità io avevo già prestato servizio al Papa altre volte e la prima il 20 febbraio 1971 (quindi 44 anni fa, avevo 19 anni) quando papa Paolo VI venne in Seminario per la festa della Madonna della Fiducia, Patrona del nostro Seminario».

Quale era il clima in quel tempo: si era parlato anche della possibilità di non celebrare l’Anno santo, perché ad alcuni sembrava anacronistico.

«Si, è vero! C’era stato un movimento contrario alla celebrazione dell’Anno santo: bisogna ricordare che siamo a pochi anni dalla conclusione del Concilio Vaticano II e papa Paolo VI aveva iniziato un’opera di grande rinnovamento della Chiesa e della Curia, proprio per attuare le disposizioni e i principi emanati dall’assise conciliare. E per questo alcuni chiedevano al Papa di non celebrare l’Anno santo, che a loro sembrava una commemorazione direi quasi folkloristica e non adeguata ai segni dei tempi di cui tanto si parlava. E il Papa infatti, all’annuncio dell’indizione, disse: ”Ci siamo domandati se una simile tradizione meriti d’essere mantenuta nel tempo nostro, tanto diverso dai tempi passati, e tanto condizionato, da un lato, dallo stile religioso impresso dal recente Concilio alla vita ecclesiale, e, dall’altro, dal disinteresse pratico di tanta parte del mondo moderno verso espressioni rituali d’altri secoli; e ci siamo subito convinti che la celebrazione dell’Anno Santo, non solo può innestarsi nella coerente linea spirituale del Concilio stesso, alla quale preme a Noi di dare fedele svolgimento, ma può benissimo corrispondere e contribuire altresì allo sforzo indefesso e amoroso che la Chiesa rivolge ai bisogni morali della nostra età, all’interpretazione delle sue profonde aspirazioni, e anche alla onesta condiscendenza verso certe forme delle sue espressioni esteriori preferite” (allocuzione all’udienza generale, mercoledì 9 maggio 1973). E vorrei ricordare anche un passo della Bolla di Indizione che allora mi colpì molto e che mi fece meglio comprendere il significato e la valenza della celebrazione.

  • 1
  • 2
  • 3
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
giubileogiubileo della misericordiapapa paolo vi
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
EUCHARIST
Philip Kosloski
Questa Ostia eucaristica è stata filmata ment...
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Religión en Libertad
Lo jihadista non è riuscito a decapitarmi: “C...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di D...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni