Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Che fine ha fatto Dio? La Salerno-Reggio Calabria come metafora della fede

Condividi
Nell’anno quindicesimo dell’impero di Tiberio Cesare, mentre Ponzio Pilato era governatore della Giudea, Erode tetrarca della Galilea, e Filippo, suo fratello, tetrarca dell’Iturea e della Traconìtide, e Lisània tetrarca dell’Abilene, sotto i sommi sacerdoti Anna e Caifa, la parola di Dio venne su Giovanni, figlio di Zaccaria, nel deserto. Egli percorse tutta la regione del Giordano, predicando un battesimo di conversione per il perdono dei peccati, com’è scritto nel libro degli oracoli del profeta Isaia:
Voce di uno che grida nel deserto:
Preparate la via del Signore,
raddrizzate i suoi sentieri!
Ogni burrone sarà riempito,
ogni monte e ogni colle sarà abbassato;
le vie tortuose diverranno diritte
e quelle impervie, spianate.
Ogni uomo vedrà la salvezza di Dio! (Lc 3,1-6)

Cammina dove non puoi! Guarda dove non vedi! 

Ascolta dove nulla suona e nulla risuona: sarai così dove Dio parla.

Angelo Silesio

Davanti alle contraddizioni della storia, davanti alla spartizione del potere, in mezzo all’immondizia che ha invaso gli spazi sacri (come se da lungo tempo nessuno passasse più a raccoglierla), davanti ai tradimenti più o meno meschini che continuiamo a perpetrare solo per il gusto di vedere la sofferenza dell’altro, ti chiedi ragionevolmente dove sia finito Dio. Forse si è stancato di noi?

Penso che Luca avesse davanti a sé una situazione non molto diversa dalla nostra. Forse non a caso inizia il suo racconto da un lettura storica del suo tempo, ma una lettura che nasconde una profonda visione critica dietro l’apparente freddezza del dato storico: Luca ci presenta infatti un modo diviso, la spartizione del potere, un conflitto permanente per assicurarsi il proprio pezzo di mondo.

E persino il potere religioso è presentato comeambiguo, doppio: Luca sa bene che solo Anna è il vero sommo sacerdote in carica, eppure parla di Anna e Caifa, perché sa bene che, nonostante Caifa non sia più sommo sacerdote, continua ad esercitare una forte influenza. Il Sommo sacerdote è uno, ma qui viene presentato come doppio. È il potere religioso stesso ad essere diventato ambiguo.

È in una storia concreta, problematica e complessa, dunque, che Dio parla. In un momento preciso del tempo, in una situazione reale, molto simile a quella di ogni tempo. Quasi come se Luca volesse invitarci a vedere anche il nostro tempo, quel tempo concreto di ogni lettore, come il tempo possibile, propizio, dentro cui Dio è capace di parlare.

Dio è la parola impossibile: colui che parla, Giovanni battista, è il figlio di un muto. La voce viene da chi non ha voce. A Zaccaria, il papà di Giovanni, la parola è stata tolta. Come Dio ha tolto la parola a Zaccaria, così adesso la dona a Giovanni, il figlio. Dunque, se Giovanni battista parla, non è perché suo padre glielo ha insegnato, ma perché Dio si fa parola in lui. Giovanni è la voce, è il suono, che trasforma in parola il pensiero di Dio.

Ma per ascoltare questa parola non si può rimanere neiluoghi del potere. Là Dio non parla. La parola è esiliata, rifiutata, rimandata indietro. Giovanni non parla a Gerusalemme o nel tempio, ma nel deserto. Non nella città, luogo del potere, delle attività umane, ma nella terra arida, nell’adama della Genesi, là dove Dio vuole rifare la creazione.

Dio parla dove il deserto può rifiorire. Il deserto è il luogo in cui Israele ha camminato, là dove Israele si è sentito solo, minacciato, abbandonato. Ma il deserto è stato anche il luogo dove Dio si è rivelato, dove Israele ha imparato a conoscere Dio e a fidarsi di lui. Il deserto è il luogo dove Dio ha parlato e dove continua a parlare.

Forse è anche il deserto della nostra vita, il tempo della nostra solitudine, della nostra aridità, il luogo dove prendono forma le nostre paure.

Giovanni comincia a parlare dalla regione del Giordano, come se si trattasse proprio di un nuovo inizio. Il Giordano infatti era il limite invalicabile, la soglia che aveva segnato l’ingresso nella terra promessa. Ritornando al Giordano, Giovanni vuole suggerire la possibilità di rinnovare quell’inizio, entrare di nuovo nella terra promessa. E infatti sarà lì che Gesù lo raggiungerà, per prendere il nuovo popolo di Dio e farlo entrare nella nuova terra promessa che è la vita eterna.

Se infatti Israele nella sua storia ha camminato verso la terra, se Israele ha costruito strade per arrivare a Dio, si è messo in cammino per uscire dalla terra dell’esilio e tornare nella terra dei padri, adesso è Dio che viene incontro all’uomo.

Non si tratta più di costruire strade esteriori per poter camminare verso Dio, ma si tratta di preparare la strada interiore per lasciare che Dio venga ad incontrarci. È lui che ti sta cercando, che sta cercando Adamo fin dal giorno in cui ha lasciato il giardino dell’Eden.

La strada di cui parla Isaia non è più dunque una strada su cui camminare, ma è una strada attraverso cui lasciar venire Dio dentro di noi:

Prepara la strada dentro di te, affinché Dio possa raggiungere il tuo cuore!

Riempi i burroni della disperazione e dello sconforto, perché a volte è proprio quella la distanza che metti tra te e Dio.

Abbassa le montagne dell’orgoglio e della superbia, perché a volte è proprio quello che ti impedisce di vedere Dio che viene verso di te.

Abbandona i pensieri tortuosi, quelli dentro i quali ti aggrovigli, ti struggi, quelli su cui rimugini, perché è proprio quello che complica l’incontro con Dio.

Guarda bene i sentieri che ti sembrano impossibili, perché forse è proprio da lì che Dio ha scelto di passare.

Leggersi dentro

  • Credi davvero che Dio possa parlare dentro la storia di questo tempo?
  • Quali lavori stradali puoi iniziare per lasciare che Dio entri nella tua vita?
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.