Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Rosa, incenso, nardo: ecco i “profumi della Bibbia”

©Pixabay.com/Public Domain
Condividi

Le nuove fragranze ideate dalla creatrice di profumi Laura Bosetti Tonatto in occasione del Giubileo

In occasione dell’Anno Giubilare straordinario indetto da Papa Francesco, la creatrice di profumi Laura Bosetti Tonatto ha realizzato una serie di fragranze ispirate ai profumi di cui si parla nella Bibbia (fashionmag.com, 4 dicembre).

LE TRE FRAGRANZE BIBLICHE

La collezione comprende tre fragranze chiamate Incenso delle Chiese di Roma, Nardo della Maddalena e Rosa Mistica. La creatrice di profumi torinese spiega che «la mirra, l’incenso, la cassia, il nardo, la rosa sono evocati in continuazione nella Bibbia, insieme con gli aromi più esotici dello zafferano, dell’ambra, della cannella».

ISPIRATO AL “CANTICO DEI CANTICI”

Il Cantico dei cantici racconta ‘i monti degli aromi‘, dove due innamorati si cercano, mentre nell’Esodo il Signore detta a Mosé l’elenco delle fragranze per realizzare l’olio dell’Unzione.

LA SPIRITUALITA’ DELL’OLFATTO

«L’olfatto è il più spirituale di tutti i sensi», prosegue Bosetti Tonetto, citando il Talmud (Berakhòt 43b), dove c’è scritto che l’olfatto «è l’unico senso dal quale l’anima trae piacere, mentre tutti gli altri sono legati alle esigenze del corpo. Quando l’Apostolo Pietro si china nel sepolcro vuoto di Gesù, il profumo di mirra e aloe ne evoca la presenza’».

INCENSO E NARDO

Ecco così le note scelte per le fragranze: l’incenso, uno strumento universale di liturgia, purificazione e guarigione che risale alla notte dei tempi. Poi il nardo (fiore proveniente dall’Himalaya), più volte citato nella Bibbia, che è stato usato per lavare i piedi di Gesù, ma che simboleggia anche San Giuseppe, patrono della Chiesa Universale, e compare nello stemma di Papa Francesco.

LA ROSA E IL PARADISO

Infine la rosa, nell’iconografia cristiana spesso evocata per indicare il Paradiso, è il fiore Mariano per eccellenza, ma è associato anche a molti Santi come Francesco: nella chiesa di Assisi è coltivato un roseto senza spine.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni