Aleteia
mercoledì 21 Ottobre |
San Gaspare del Bufalo
Arte e Viaggi

La "battaglia" dell'arte contro l'iconoclastia dell'Isis

© gianluca baronchelli

Marinella Bandini - pubblicato il 04/12/15

"Archeologia ferita" in mostra: ad Aquileia i capolavori del Museo del Bardo di Tunisi, colpito dai terroristi

Il foro di un proiettile nel vetro. È una delle immagini del Museo del Bardo di Tunisi, ferito dagli attentati terroristici del 18 marzo scorso. Quelle schegge, grazie alla Fondazione Aquileia, ora diventano altrettanti frammenti di dialogo nella mostra “Il Bardo ad Aquileia” che dal 6 dicembre al 31 gennaio prossimi porterà nella cittadina friulana nove capolavori custoditi nel museo tunisino. Uno su tutti la testa dell’imperatore Lucio Vero, e poi tre mosaici (il mosaico della dea Cerere ritrovato a Uthina e due mosaici di “lottatori nudi in presa” provenienti dal tepidarium delle terme di Gigthis), una statua di Giove, la stele funeraria di Marcus Licinius Fidelis, soldato originario di Lione che fu sepolto ad Ammaedara, due ceramiche ritrovate nelle necropoli di El Aouja, una brocca decorata a rilievo e un contenitore cilindrico con rappresentazioni di dei e satiri.

Le opere testimoniano non solo lo scambio e i collegamenti che caratterizzavano Nord Africa e Alto Adriatico in età romana, ma danno voce anche a quanti si oppongono alla “nuova iconoclastia” che vuole distruggere le radici del dialogo interculturale e interreligioso. La città di Aquileia, protesa nell’Adriatico e fin dall’antichità crocevia di popoli e culture, si pone come il luogo ideale per questo dialogo e come trampolino naturale per lanciare un confronto sull’importanza della difesa del patrimonio culturale come baluardo contro la violenza e il terrorismo. “Desideriamo invitare alla riscoperta del ‘filo rosso’ della tolleranza che, sia pur con l’andamento di un fiume carsico, ha segnato la storia dell’Europa, del Medio Oriente e dell’Africa settentrionale” spiega il presidente della Fondazione Aquileia, Antonio Zanardi Landi. L’iniziativa vuole essere “un contributo a quella ‘battaglia culturale’ che sola potrà consentirci di superare e vincere il fanatismo e la violenza”. L’obiettivo è mantenere alta l’attenzione e la sensibilità verso il tema della distruzione di monumenti di eccezionale valore, eredità delle grandi civiltà del passato, e quindi della volontà di cancellazione della memoria della storia universale dell’uomo.

Anche per questo l’esposizione, ospitata al Museo Archeologico Nazionale, si inserisce nel più ampio progetto “Archeologia ferita” della Fondazione, che intende portare ad Aquileia opere d’arte significative provenienti da musei e siti colpiti dai tragici attacchi del terrorismo fondamentalista.

Il progetto “Archeologia ferita” nelle parole del presidente della Fondazione Aquileia, Antonio Zanardi Landi:


Come scrive nella prefazione al catalogo il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: “L’esposizione ad Aquileia è un gesto di amicizia e la affermazione, convinta e forte che, solo attraverso la riproposizione dei valori della cultura e della storia comune, sarà possibile sconfiggere la cieca violenza e la barbarie di chi vorrebbe proporre infondati scontri di civiltà”. Pare fargli eco il presidente della Repubblica Tunisina Béji Caïd Essebsi: “Di fronte al terrorismo, tutti i popoli, a Nord come a Sud, devono restare uniti. Dobbiamo essere uniti nel proteggere il nostro patrimonio comune e rendere il nostro mare Mediterraneo un anello di congiunzione e non un confine”. La mostra è realizzata in collaborazione con Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura di Udine, Edison e con il sostegno della Banca di Credito Cooperativo di Fiumicello e Aiello. Scrive il direttore del Museo di Tunisi, Moncef Ben Moussa: “In un mondo in cui la violenza ha innescato una spirale inquietante, la cultura placa e trasmette un messaggio di pace. Ed è in nome dei valori fondamentali del dialogo della condivisione e della tolleranza che abbiamo accolto la proposta” di questa esposizione.

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
DISNEY, CARTOONS
Annalisa Teggi
Arriva il bollino rosso per Dumbo, gli Aristo...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
EUCHARIST
Philip Kosloski
Questa Ostia eucaristica è stata filmata ment...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni