Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 09 Marzo |
San Giovanni di Dio
home iconChiesa
line break icon

Papa Francesco celebra i martiri che non si concessero al re

AFP / TONY KARUMBA

Pope Francis salutes a boy during a mass at the Church of Saint Joseph the worker in the Nairobi shanty town of Kangemi on November 27, 2015 in the Kenyan capital, Nairobi. Pope Francis lashed out at wealthy minorities who hoard resources at the expense of the poor as he visited a crowded slum in the Kenyan capital. "These are wounds inflicted by minorities who cling to power and wealth, who selfishly squander while a growing majority is forced to flee to abandoned, filthy and run-down peripheries," the 78-year-old pontiff told crowds in the Nairobi shanty town of Kangemi. / AFP / TONY KARUMBA

Andrea Tornielli - Vatican Insider - pubblicato il 28/11/15

A Namugongo si ricorda il sacrificio del capo dei paggi della corte di Buganda Mwanga II arso vivo insieme ad altri 30 cristiani

Papa Francesco ha il volto teso e impressionato quando entra nel santuario dei martiri anglicani di Namugongo. A tempo record per la visita è stato realizzato un padiglione con statue a grandezza naturale che mostrano nel dettaglio che cosa capitò a quei cristiani alla fine dell’Ottocento. Bergoglio ascolta in silenzio le spiegazioni dell’arcivescovo anglicano e quindi si inginocchia a pregare in un luogo dove il sangue dei cattolici e degli anglicani si è mischiato al momento del martirio. I martiri di Namugongo erano 45, 22 dei quali cattolici.

Erano un gruppo di ventidue servitori, paggi e funzionari del re di Buganda – oggi parte dell’Uganda – convertiti al cattolicesimo dai missionari d’Africa del cardinale Charles Lavigerie, i Padri Bianchi. Vennero uccisi in quanto cristiani sotto il regno di Mwanga II tra il 15 novembre 1885 e il 27 gennaio 1887. Benedetto XV li ha dichiarati beati il 6 giugno 1920. Sono stati canonizzati l’8 ottobre 1964 a Roma da Paolo VI che, durante il suo viaggio in Africa del 1969, ha intitolato loro anche il grande santuario di Namugongo, eretto sul luogo del martirio di san Carlo Lwanga, il più celebre del gruppo. Proprio qui, terzo Papa in meno di cinquant’anni dopo Montini e Giovanni Paolo II (1993), Francesco celebra la sua prima messa in Uganda.

Carlo Lwanga era il capo dei paggi della corte del re. Il motivo della sua uccisione fu l’essersi rifiutato di accondiscendere ai desideri omosessuali di Mwanga II. Si era impegnato per proteggere i paggi dalle attenzioni morbose del sovrano. Condannato a morte il 25 maggio 1886, venne arso vivo il 3 giugno sulla collina di Namugongo.

C’è una grande folla variopinta ad accogliere Francesco. Nell’area del santuario si sono radunate trecentomila persone. Molti hanno camminato tutta la notte nel fango per partecipare alla messa che si svolge in un grande anfiteatro. Ad aprire la processione d’ingresso sono due sacerdoti che portano i reliquiari con i resti dei martiri di Namugongo.

Nell’omelia Papa Bergoglio ha ricordato che «dall’età apostolica fino ai nostri giorni, è sorto un grande numero di testimoni a proclamare Gesù e a manifestare la potenza dello Spirito Santo. Oggi, ricordiamo con gratitudine il sacrificio dei martiri ugandesi, la cui testimonianza d’amore per Cristo e la sua Chiesa ha giustamente raggiunto “gli estremi confini della terra”. Ricordiamo anche i martiri anglicani, la cui morte per Cristo dà testimonianza all’ecumenismo del sangue».

  • 1
  • 2
Tags:
africapapa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
2
Lucandrea Massaro
Blasfemia a Sanremo: “Perché mi percuoti?”
3
SANREMO, FIORELLO, AMADEUS
Annalisa Teggi
10 canzoni che hanno parlato di Dio dal palco di Sanremo
4
MAN, DARKNESS, FACE
Annalisa Teggi
Quando al diavolo scappò detto cosa può davvero fare la preghiera
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
FETUS 3 MONTH,
Padre Maurizio Patriciello
Puoi parlare di aborto perché tua madre non ti fece trascinare vi...
7
Gelsomino Del Guercio
Prete morto per Covid: lo aveva “profetizzato” in una...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni