Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Vatileaks: 5 rinvii a giudizio in Vaticano compresi i giornalisti

Public Domain
Condividi
Sono cinque le persone rinviate a giudizio nell’inchiesta vaticana sulle fughe di notizie: oltre i due arrestati, monsignor Vallejo Balda (ancora detenuto) e Francesca Immacolata Chaouqui (subito scarcerata dopo il fermo durato una notte) e ai giornalisti Gianluigi Nuzzi (l’autore di “Via Crucis” che non si e’ presentato per l’interrogatorio) e Emiliano Fittipaldi (l’autore di “Avarizia”, che si e’ fatto interrogare) c’è un quinto rinviato ed e’ Nicola Maio, già segretario particolare di monsignor Balda durante i lavori della Cosea, la Commissione referente voluta da Papa Francesco per una verifica amministrativa e organizzativa dei dicasteri vaticani in vista della Riforma. Un comunicato vaticano in merito sara’ emesso appena saranno terminate le notifiche ai soggetti interessati. Non è stato rinviato e nemmeno mai indagato il giornalista Mario Benotti, attuale capo della segreteria particolare del sottosegretario alla presidenza del Consiglio Sandro Gozi.

Benotti si era autosospeso dall’incarico non appena il suo nome era stato pubblicato da due quotidiani italiani (notizia che poi aveva fatto il giro del mondo presentandolo come “il terzo corvo” di Vatileaks due) anche se mai era stato citato dalle fonti vaticane che pure avevano dato ampie informazioni sull’inchiesta. A quanto apprende l’Agi, Benotti aveva chiesto e ottenuto di incontrare gli inquirenti e la Gendarmeria Pontificia per chiarire la sua posizione, spiegando di non aver mai avuto nulla a che fare con la diffusione dei documenti della Cosea che e’ l’oggetto dell’inchiesta Vatileaks due.

 

QUI L’ARTICOLO ORIGINALE

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni