Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 22 Giugno |
Paolino di Nola
home iconNews
line break icon

Attaco jihadista nella capitale del Mali

© AIUTO CHIESA CHE SOFFRE

L'Osservatore Romano - pubblicato il 21/11/15

Irruzione di un gruppo armato in un albergo

La violenza nel Mali, rimasta diffusa nel nord del Paese, è tornata ad investire oggi la capitale Bamako, dove un commando di uomini armati ha fatto irruzione oggi nell’hotel Radisson Blu, frequentato in prevalenza da stranieri, e ha preso in ostaggio centosettanta persone, dopo averne uccise alcune, sembra quattro, comprese due guardie di sicurezza dell’albergo.

Tra gli ostaggi vi sarebbero dipendenti delle compagnie aere di bandiera turca e francese e una ventina di cittadini indiani. Ottanta persone sono state già liberate o rilasciati. Mentre andiamo in stampa, gli assalitori sono però ancora asserragliati con decine di ostaggi, mentre l’albergo è circondato dalle forze di sicurezza maliane.

È stata invece smentita la presenza di soldati della missione francese Barkhane che Parigi dispiegata da tre anni nel Paese. Proprio all’intervento francese in Mali aveva fatto riferimento ieri il presidente François Hollande, sostenendo che è questo il motivo dell’accanimento contro la Francia dello Stato islamico (Is).
Più che al’Is, che non si è mai fatto scrupolo di massacrare musulmani più ancora che cristiani e del quale, comunque, non risultano cellule in Mali, alcuni particolari della vicenda in corso a Bamako farebbero a altri gruppi jihadisti. A quanto si è appreso, una cinquantina degli ostaggi già liberi sarebbero stati rilasciati dopo aver dimostrato di saper recitare versetti del Corano. Uno schema del genere, per esempio, era stato seguito nell’attacco terroristico delle milizie radicali islamiche di Al Shabaab nell’università di Garissa, in Kenya.

QUI L’ARTICOLO ORIGINALE

Tags:
terrorismo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Gelsomino Del Guercio
San Giuseppe sparisce dai Vangeli. Don Fabio Rosini ci svela il &...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Giovanni Marcotullio
«I rapporti prematrimoniali?» «Un vero peccato!» «Ma “mortale”?» ...
7
MORNING
Philip Kosloski
Preghiera mattutina per chiedere a Dio di benedire la nostra gior...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni