Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 07 Marzo |
Sante Perpetua e Felicita
home iconNews
line break icon

Diritti dell’infanzia. La buona notizia che ancora aspettiamo

© Restless mind - CC

https://www.flickr.com/photos/restless_mind/865221336/in/photostream/<br /> <br /> A small child...sleeps on the streets of a small rural town. She&#039;s forced by her parents to beg to help support them.

Don Fortunato Di Noto - Associazione Meter - pubblicato il 19/11/15

Oggi è la giornata internazionale dei diritti dell'infanzia. Mancati...

Ho una notizia strabiliante: quest’oggi i bambini hanno ottenuto tutto ciò che è un loro diritto. Ci sono delle belle da dare in occasione di questa Giornata Internazionale dei diritti dell’infanzia. Pensate: da oggi tutti i bambini hanno latte, pane, riso, pasta, acqua, scarpe, vestiti, istruzione, giocattoli, famiglie. Non c’è più nessun orfano, sono state chiuse le comunità di accoglienza; i piccoli soldati sono a scuola, esprimono la loro fede liberamente e non hanno paura. La crudeltà e la violenza degli abusi non vengono più perpetrati.

Che belle notizie. E l’ondata non è ancora finita: ben 250 milioni di minori non lavorano più da sfruttati, 80.000 – così dicono – italiani non fanno più turismo sessuale, centinaia di migliaia di bambini ritratti su video e foto pedopornografici sono stati individuati e hanno ottenuto giustizia, decine di migliaia di sfruttatori sono stati arrestati. I bambini non muoiono più, hanno una vita in pace e serena. Oggi è una bella giornata se tutto questo diventasse realtà.

Che cosa può essere questo sogno davanti all’intensificazione dei controlli contro il terrorismo? Che cosa può essere la paura di un bambino che dice: “ho paura delle persone”? Come cresceranno questi piccoli quando – diventando consapevoli – noi adulti, che abbiamo abbandonato la nostra vita da bambini, non li difenderemo, aiuteremo, accompagneremo nella crescita verso un mondo di pace, giustizia, fraternità e gioia.

Tanti siamo ‘speranza’ e ‘profezia’ che anche nel piccolo si fanno piccoli per rendere grande un sogno. E se non lo siamo abbiamo il dovere di diventarlo. Perché questo sogno non è una banalità, non è tempo perso: riguarda noi stessi ed il nostro futuro, la nostra umanità.

E umanità vuole dire evitare una cosa drammatica. Cioè l’assuefazione: si arriva ad un certo punto nella vita che queste analisi, statistiche, sempre le stesse e forse con scenari peggiori, vengono subite passivamente. Dimenticando che la situazione è così perché ognuno non fa la sua parte, non prende sul serio il futuro di questa umanità. Che il troppo buonismo o disinteresse nei confronti del male sui piccoli che non ha a che vedere con la ‘cultura dell’amore’, porta ad utilizzare la stessa parola amore scrivendola sulle bombe, sulle armi. E ci disinteressiamo anche di chi pensa che ‘amare un bambino’ sia ‘benessere, crescita’: questo lo dicono i pedofili. O ci disinteressiamo di chi, infine, utilizzando la parola amore si arricchisce sulla pelle e sulla vita di chi viene illuso, sfruttato, abusato dicendo che se sei bella, magra, prestante, sarai più amata. E chi pensa che uccidere per amore sia cosa esaltante e paradisiaca.

Oggi c’è una bella notizia e riguarda i bambini sfruttati nel mondo nell’indifferenza strafottente di tutti noi. Ne siamo certi che ci sia e che qualcuno  alla fine ce la racconterà..

Tags:
bambinilotta alla pedofiliameterpovertàsfruttamento infantile
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
2
Gelsomino Del Guercio
Prete morto per Covid: lo aveva “profetizzato” in una...
3
SANREMO, FIORELLO, AMADEUS
Annalisa Teggi
10 canzoni che hanno parlato di Dio dal palco di Sanremo
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
FETUS 3 MONTH,
Padre Maurizio Patriciello
Puoi parlare di aborto perché tua madre non ti fece trascinare vi...
6
MADONNA
Maria Paola Daud
La curiosa immagine della Vergine Maria protettrice dal Coronavir...
7
Paola Belletti
Laura Magli, giornalista Mediaset: “Mi sento così amata dal...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni