Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 30 Ottobre |
San Gaetano Errico
home iconApprofondimenti
line break icon

La Santa Sede baluardo contro lo scontro di civiltà

Vatican Insider - pubblicato il 17/11/15

Il magistero degli ultimi tre pontefici, sviluppatosi dal Concilio Vaticano II, ha contrastato le spinte fondamentaliste e chi voleva erigere nuovi muri

di Francesco Peloso

Nell’ultimo quarto di secolo, da quando cioè la caduta del Muro di Berlino ha ridisegnato la carta geografica del mondo, la Santa Sede è stata di fatto l’unica istituzione globale che si è opposta con decisione e lucidità al cosiddetto scontro di civiltà; obiettivo, quest’ultimo, perseguito da più parti e su più fronti, in Occidente come in Medio Oriente, in ragione di interessi economici, territoriali, politici. Il magistero di tre pontefici – Giovanni Paolo II, Benedetto XVI e ora Francesco – ha cercato di porre un argine al dilagare dei conflitti e soprattutto al diffondersi della diffidenza, dell’odio, della rottura dei vincoli fra popoli e religioni, alla contrapposizione identitaria e culturale. Per questo la Chiesa di Roma, la stessa piazza San Pietro, sono diventati nel corso di questi decenni simbolo di ragionevolezza, promotori di dialogo anche quando tutto sembrava perduto, riferimento per credenti e non credenti che non hanno voluto cedere alla barbarie.

La Santa Sede e il dialogo con le altre fedi

Giovanni Paolo II aveva visto per tempo i rischi cui si andava incontro e per questo promosse gli incontri interreligiosi di Assisi e un dialogo non facile anche con interlocutori lontani. «Non si uccida in nome di Dio» hanno ripetuto tutti e tre i Pontefici, «è una bestemmia utilizzare il suo nome per giustificare la violenza» ha detto papa Francesco all’Angelus di domenica. Il tentativo di mantenere vivo un dialogo fra le grandi tradizioni religiose «del Libro», i viaggi a Gerusalemme, a Istanbul, in Libano, in Giordania, gli incontri ecumenici e quelli con le autorità religiose ed ebraiche e musulmane appartenenti a varie correnti del mondo islamico, una diplomazia attenta ai rapporti con Teheran, Mosca, Washington, Ryad, sono alcuni degli strumenti dispiegati dalla Santa Sede in questi anni complessi. Restano impresse le parole drammatiche pronunciate da Karol Wojtyla mentre il mondo precipitava verso la fatidica guerra in Iraq del 2003 – le cui conseguenze durano tuttora – «ne risponderete a Dio e alla storia», e poi la preghiera di Benedetto XVI nella «Moschea blu» di Istanbul che sorprese il mondo.

Una linea profetica e certamente anche politica e diplomatica, che ha le sue basi nella svolta del Concilio Vaticano II, in documenti come «Nostra Aetate» attraverso i quali la Chiesa si apriva al dialogo e al confronto con le altre fedi coniugando, più in generale, questa scelta con i «segni dei tempi», con quella modernità già così globale a metà degli anni ’60, che non poteva essere rifiutata e condannata a priori. Nell’esortazione apostolica Evangelii Gaudium, del 2013, papa Francesco parla della necessità del dialogo con l’islam, riafferma la richiesta di libertà religiosa nei paesi musulmani, mette in luce le comuni radici delle due religioni. Quindi osserva: «Di fronte a episodi di fondamentalismo violento che ci preoccupano, l’affetto verso gli autentici credenti dell’Islam deve portarci a evitare odiose generalizzazioni, perché il vero Islam e un’adeguata interpretazione del Corano si oppongono a ogni violenza». E d’altro canto il rischio attuale è proprio questo, che l’odio, la frustrazione, la paura, portino al rifiuto dell’altro in quanto tale, anche in un’Europa dove vivono pacificamente e da anni milioni di musulmani. I muri non sono la soluzione, ha ripetuto Francesco durante la visita alla Chiesa luterana di Roma di domenica scorsa. Se anzi quei muri sorgeranno nelle nostre città, la convivenza, la pace, la libertà saranno messe a rischio.

  • 1
  • 2
  • 3
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
terrorismovaticano
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
CEMETERY
Gelsomino Del Guercio
Indulgenze plenarie per i defunti: come otten...
Timothée Dhellemmes
Seconda ondata di Covid: in Europa il culto c...
Lucandrea Massaro
Sale il numero di morti nell'attentato di Niz...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
ERIN CREDO TWINS
Cerith Gardiner
“Dio ha senso dell'umorismo”: coppia di genit...
EMILY RATAJKOWKSI
Annalisa Teggi
Emily Ratajkowski: scoprirò il sesso di mio f...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni