Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

5 modi per intraprendere una lotta spirituale contro l’ISIS

JOHANNES EISELE / AFP
Benjamin Herbert of France wears a cap with reading 'pray for Paris', to commemorate the victims of the Paris attacks during the BMW Shanghai Masters golf tournament at the Lake Malaren Golf Club in Shanghai on November 15, 2015. AFP PHOTO / JOHANNES EISELE
Condividi

È una battaglia contro il male – sappiamo cosa fare

Di fronte agli attacchi tanto duri dei nemici della Chiesa di Dio ci è lecito rimanere inattivi? Ci è lecito forse lamentarci e versare lacrime soltanto? No affatto. (…) Su ciascuno di noi pesa il sacrosanto dovere di metterci in trincea e di respingere gli attacchi del nemico con il nostro petto

San Massimiliano Kolbe

 

Quando ho sentito la notizia degli attentati dell’ISIS a Parigi, mi sono sentita tramortita e impaurita. Gli attacchi di Parigi, i bombardamenti a Beirut, il terremoto in Giappone… tutto questo ha creato un vortice di silenzio nel mondo, una pausa straziante nelle questioni mondiali in cui tutto ciò che si poteva sentire erano i gemiti dei sofferenti.

Tante persone hanno risposto con forza ed eloquenza a questa notizia, ma quella che ha catturato la mia attenzione è stata la risposta di papa Francesco. Ha detto che questi attacchi rappresentano qualcosa che “non è umano”. Mi ha ricordato che più che una battaglia contro l’ISIS si tratta di una battaglia contro il male.

Come possiamo rispondere? Gli appelli alla pace non hanno senso se non sono uniti al potere della preghiera. Il male dev’essere combattuto. Con la preghiera e a volte con la forza.

Se volete unirvi alla battaglia cosmica che sta infuriando, ecco qualche suggerimento di Gesù e dei santi:

  1. Fare l’elemosina

Dove c’è l’elemosina, il diavolo non osa avvicinarsi, come non lo osa nessun’altra sventura – San Giovanni Crisostomo

La guerra spirituale implica non solo la preghiera, ma anche l’azione. Possiamo aiutare le persone che soffrono ad opera dell’ISIS.

Le organizzazioni cattoliche che offrono aiuto nelle zone in cui l’ISIS è attivo sono:

    1. Aiuto alla Chiesa che Soffre
    2. Catholic Relief Services
    3. Varie altre organizzazioni attive nella zona
  1. 2. Recitare il Rosario

Padre Pio chiamava il Rosario “l’arma”. Gli esorcisti ci dicono che il nome di Maria è potente contro il demonio. Invochiamo nostra Madre perché ci aiuti in questo momento.

[Il Rosario] è il rimedio a tutti i nostri mali, la radice di tutte le nostre benedizioni. Non c’è modo pià eccellente di pregare – Papa Leone XIII

  1. Recitare la Preghiera di San Michele

San Michele ha radunato coraggiosamente gli angeli intorno a sé per spingere all’inferno il demonio e gli angeli caduti. Possiamo invocarlo per portare avanti la sua lotta contro il male nel mondo recitando la preghiera scritta da papa Leone XIII:

Possa la preghiera fortificarci per quella battaglia spirituale di cui parla la Lettera agli Efesini: “Attingete forza nel Signore e nel vigore della sua potenza” (Ef 6, 10). È a questa stessa battaglia che si riferisce il Libro dell’Apocalisse, richiamando davanti ai nostri occhi l’immagine di san Michele Arcangelo (cfr. Ap 12, 7). Aveva di sicuro ben presente questa scena il Papa Leone XIII, quando, alla fine del secolo scorso, introdusse in tutta la Chiesa una speciale preghiera a San Michele: “San Michele Arcangelo difendici nella battaglia contro i mali e le insidie del maligno; sii nostro riparo . . .”. Anche se oggi questa preghiera non viene più recitata al termine della celebrazione eucaristica, invito tutti a non dimenticarla, ma a recitarla per ottenere di essere aiutati nella battaglia contro le forze delle tenebre e contro lo spirito di questo mondo – San Giovanni Paolo II

  1. Digiuno

Gesù stesso ci dice che la nostra preghiera dovrebbe essere accompagnata dal digiuno nella battaglia contro il male. Come potremmo ignorare le istruzioni del nostro Generale per questa battaglia?

Questa specie di demòni non si può scacciare in alcun modo, se non con la preghiera – Marco 9, 29

  1. Andare a Messa

L’arma più formidabile contro il male è la Croce. La Messa è una partecipazione a questo mistero potente. Possiamo far scendere sul mondo le grazie della Croce attraverso la nostra partecipazione alla Messa e la preghiera potente della Messa.

Torniamo da quella Tavola come leoni che sputano fuoco, terrificanti per il demonio! – San Giovanni Crisostomo

 

Suor Theresa Aletheia Noble, FSP, è autrice di The Prodigal You Love: Inviting Loved Ones Back to the Church. Di recente ha pronunciato i suoi primi voti con le Figlie di San Paolo. Ha un blog su Pursued by Truth.

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni