Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Mario Melazzini: storia di un malato di Sla che rinasce grazie alla lezione di Giobbe

Mario Melazzini
Condividi

Nel volume autobiografico "Lo sguardo e la speranza" racconta come è uscito dal momento più buio della sua vita

Ritrovare la fede nel momento più buio. Dopo la diagnosi di Sclerosi Laterale Amiotrofica, la temuta Sla, una malattia che immobilizza gradualmente tutti i muscoli del corpo. Una fede ritrovata grazie ad un sacerdote gesuita incontrato nel momento giusto. E sopratutto grazie alla lettura di un libro, quello di Giobbe, che ha ridato vigore alla sua esistenza.

Mario Melazzini racconta questa incredibile “avventura” nel volume autobiografico “Lo sguardo e la speranza” (edizioni San Paolo). Oggi è assessore alla Regione Lombardia e convive con la malattia, ma dopo la diagnosi, nel 2003, ha trascorso uno dei momenti più bui della sua vita.

QUELLA CONOSCENZA GRAZIE A RON

«Era la primavera del 2004 – ricorda – poco più di un anno dopo la diagnosi definitiva. Avevo allontanato tutti ma accanto a me, con discrezione, rimanevano due persone: l’amico Rosalino, Ron, e Silvano, un sacerdote gesuita che conoscevo da anni e che avevo sempre considerato la mia guida. Silvano viveva a Villa Pizzone, in una comunità di Milano. All’epoca, era il padre spirituale del cardinale Martini. Da lui mi aveva portato Ron: “Ti piacerà, vedrai”, mi aveva detto».

IL REGALO INATTESO

Durante quei primi incontri, Mario e padre Silvano avevano scoperto di avere in comune la passione per la montagna ed erano diventati amici. «Per me, che avevo sempre dato per scontata la mia identità cattolica, senza farmi troppe domande, ma che da quando mi ero ammalato avevo smesso di andare in chiesa, Silvano era diventato un punto di riferimento importante. Gli raccontavo dei miei problemi con mia moglie Daniela, dei miei dubbi sulla possibilità di vivere con la malattia. Silvano non mi chiedeva di pregare. Mi invitava piuttosto a prendere tempo, per imparare a conoscere la nuova dimensione che mi trovavo a vivere. E un giorno mi regalò la sua Bibbia: «Se hai voglia, leggi il Libro di Giobbe» buttò lì, quasi per caso».

LE PROVE DI GIOBBE

Silvano consigliò a Mario di staccare la spina, allontanarsi da tutto e tutti per un po’. E Mario accettò il consiglio trasferendosi nella casa di Livigno, ai piedi delle Alpi. Con lui c’era solo una colf rumena e nessun altro. Fu un periodo di lunga riflessione. In cui Mario lesse il libro indicato dal sacerdote. «Giobbe è l’uomo paziente che affronta una serie di prove: nella mia immaturità e incapacità di capire cosa significasse quel libro, lo avevo letto come qualcosa che andava a buon fine. Mentre leggevo, mi sembrava che quel racconto rispecchiasse il mio vivere quotidiano, compresa la presenza degli amici un po’ saccenti, che ti dicono sempre quello che puoi o devi fare».

LE IMPRESE DELLA QUOTIDIANITA’

Durante quei giorni solitari, le prove a cui Giobbe veniva chiamato diventavano le imprese «che nella mia quotidianità ero chiamato a compiere. Ogni volta che a lui veniva tolto qualcosa di materiale, ero io che mi ritrovavo privo di quello che avevo. Però finiva bene, in qualche modo: a Giobbe veniva restituito quello che aveva perso, sotto altra forma, per la fiducia da lui riposta nel Mistero che lo accompagnava».

UNA NUOVA VOGLIA DI VIVERE

A un certo punto, rammenta Mario, «ho iniziato a capire qualcosa di quello che il testo mi aveva trasmesso. Indipendentemente da quello che gli accade, Giobbe comprende che è importante vivere e continuare a vivere. Non esalta la sofferenza ma coglie l’essenza della vita, la bellezza di stare al mondo in qualsiasi condizione. Ho elaborato questo concetto in due parole: essere ed esistere. È importante esistere, con la consapevolezza che tutto ti può accadere e che quello che accade a volte apre anche un percorso di forte sofferenza».

IL “RITORNO” DI MARIO

Così Mario ha imparato a considerare la vita un dono che lo accompagna, «una grande opportunità che mi viene data e che deve essere percorsa fino alla fine. La fine è la morte, di cui abbiamo paura ma che si presenta in continuità con il percorso di vita che facciamo. Però la morte è un inizio. Quando ho capito questo, mi si è aperto un mondo». E dopo Livigno è tornato a casa a Milano, dalla moglie e dai figli ed ha ricominciato a vivere. Oggi sono trascorsi 12 anni da quando gli è stata diagnosticata la Sla e non ha alcuna voglia di mollare.

ACQUISTA QUI IL VOLUME

Lo Sguardo_copdef_alette.indd
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni