Aleteia
mercoledì 30 Settembre |
Santi Arcangeli
Approfondimenti

Selezionare gli embrioni non è reato. Quando l'eugenetica è di Stato

© Fred de Noyelle / Godong

Embrión humano de pocas semanas

Lucetta Scaraffia | L'Osservatore Romano | Thu Nov 12 2015

Lo dice una nuova sentenza della Corte Costituzionale

La sentenza della Consulta che permette di selezionare gli embrioni sani in caso di grave malattia trasmissibile geneticamente non è arrivata imprevista: sono anni che viene denunciata quella che si ritiene — ed effettivamente è — una contraddizione legislativa. Perché finora lo stesso feto malato che non si poteva eliminare a stadio embrionale poteva invece essere abortito secondo la legge 194.
Naturalmente, sarebbe stato possibile — e auspicabile — risolvere la contraddizione nel modo opposto, cioè eliminando la possibilità di effettuare il cosiddetto “aborto terapeutico”, che già dal nome rivela l’imbarazzo e la manipolazione: qui non si tratta di terapie per curare l’embrione malato, ma di eliminazione. Le definizioni hanno il potere di cambiare il segno morale di un’azione, e questa dicitura ha la pretesa di rendere non solo giustificabile, ma quasi encomiabile, questo tipo di aborto. Oggi la contraddizione è stata cancellata da una sentenza che permette l’eliminazione già in stadio embrionale, come al solito cercando di alleggerire la gravità di questo atto prevedendo che questa selezione si potrà effettuare solo nei casi di gravi malattie. Ma sappiamo già che, come è stato per la legge 194, si tratta di una severità facilmente aggirabile, anche solo invocando l’incapacità psicologica della madre di accettare il figlio imperfetto qualora la malattia non sia così grave in se stessa. Naturalmente, secondo il senso comune che si è formato in questi decenni, quella della Consulta sembra una saggia decisione. Perché procreare figli malati? Non è meglio eliminare l’occasione di sofferenza per noi e per loro? Non è meglio selezionare l’embrione invece di sottoporre madre e feto alla violenza dell’aborto? Non è facile opporsi a questa interpretazione, e riportare tutte queste azioni, volte apparentemente a eliminare della sofferenza, alla loro vera natura di selezione eugenetica, alla loro appartenenza a quella che Papa Francesco denuncia come cultura dello scarto, finalizzata a negare ogni possibilità di vita a chi è imperfetto. Chi si oppone sembra cattivo, insensibile alla sofferenza degli altri, incapace di comprendere le possibilità di felicità che ci vengono offerte dalle nuove scoperte tecno-scientifiche. Senza dubbio in situazioni come queste ci troviamo davanti a uno degli inganni più sottili della cultura contemporanea, a una confusione palese in cui il bene viene invocato a copertura del male. Non è facile far capire che anche gli esseri imperfetti hanno diritto di vivere, che anche loro possono essere felici, e così le loro famiglie, magari anche più di chi ha figli in perfetta salute. Per questo sono essenziali le testimonianze concrete di chi vive questa situazione, così come le dichiarazioni delle associazioni delle persone con disabilità, che ripetono instancabilmente che preferiscono essere nati piuttosto che scartati. Ma in realtà per capire che queste pratiche di rifiuto sono profondamente sbagliate bisogna cambiare la classifica delle rilevanze, rivedere profondamente le priorità delle nostre vite. La sentenza della Consulta, quindi, ci chiama a un esame di coscienza profondo, a una revisione completa. Solo così potrà essere compreso l’orrore di una società che, legalmente, toglie ogni possibilità di vita ai più deboli, agli imperfetti.   QUI L’ORIGINALE
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
abortobioeticacorte costituzionaleeugenetica
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: "Ho visto i ...
Gelsomino Del Guercio
Parla il sacerdote che ha vinto 35mila euro a...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Oleada Joven
Lettera di Gesù a te: dalla mia croce alla tu...
LUXOR FILM FESTIVAL
Zoe Romanowsky
Un filmato potente di appena un minuto sul ma...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni