Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 21 Giugno |
San Luigi Gonzaga
home iconChiesa
line break icon

Papa Francesco: “come Dio farsi servi umili, non funzionari”

© Mazur/catholicnews.org.uk

Radio Vaticana - pubblicato il 03/11/15

Così il pontefice durante la messa celebrata in San Pietro in suffragio dei vescovi e dei cardinali defunti durante l'anno

di Gabriella Ceraso

“Lo stile di Dio che ci salva servendoci e annientandosi ci insegna che anche noi possiamo vincere con Lui, se scegliamo l’amore servizievole e umile che rimane vittorioso per l’eternità”. Ruota intorno a questo pensiero l’omelia pronunciata dal Papa nella Messa celebrata questa mattina nella Basilica di S. Pietro a suffragio dei vescovi e dei cardinali defunti nell’ultimo anno. ”Ci basti Dio”, è stato l’auspicio conclusivo del Pontefice, ”per essere liberi dalle cose effimere”, per esser “figli amati” e non “funzionari”.

Ricordare i cardinali e vescovi deceduti nell’ultimo anno significa pregare perché trovino in Dio la gioia piena nella comunione dei Santi, ma anche rinnovare la scelta che è stata la loro vocazione di ministri, cioè farsi “servi” umili e fino al sacrificio di sé come Dio ha fatto per primo:

“Chi serve e dona, sembra un perdente agli occhi del mondo. In realtà, proprio perdendo la vita, la ritrova. Perché una vita che si spossessa di sé, perdendosi nell’amore, imita Cristo: vince la morte e dà vita al mondo. Chi serve, salva. Al contrario, chi non vive per servire, non serve per vivere”.

Come Gesù amiamo con umilità e concretezza
Il Vangelo ci ricorda questo: “Dio ha tanto amato il mondo” che per salvarci ci ha raggiunto là dove eravamo andati a finire, “nella morte”. L’ha presa su di sé “con tutte le sue contraddizioni”, dice il Papa, e ora noi “guardando a Lui e credendo in Lui veniamo salvati”. E questo che Francesco chiama “stile di Dio che ci salva servendoci e annientandosi”, non dunque una vittoria trionfante, ma umilissima basata sulla forza dell’amore, “ha molto da insegnarci “:

“Nella Pasqua di Gesù vediamo insieme la morte e il rimedio alla morte, e questo è possibile per il grande amore con cui Dio ci ha amati, per l’amore umile che si abbassa, per il servizio che sa assumere la condizione del servo. Così Gesù non solo ha tolto il male, ma l’ha trasformato in bene. Non ha cambiato le cose a parole, ma con i fatti; non in apparenza, ma nella sostanza; non in superficie, ma alla radice. Ha fatto della croce un ponte verso la vita. Anche noi possiamo vincere con Lui, se scegliamo l’amore servizievole e umile, che rimane vittorioso per l’eternità. È un amore che non grida e non si impone, ma sa attendere con fiducia e pazienza”.

Lo stile dell’amore di Dio è anche, spiega Francesco, di amare “fino alla fine” il mondo, mentre noi, osserva, siamo portati ad “amare ciò di cui sentiamo il bisogno e che desideriamo”.

Non funzionari, ma figli amati
E allora anche questa Messa diventa occasione per chiedere al Padre di rivolgere il nostro pensiero alle “cose di lassù”, a Dio, al prossimo”, più che “ai nostri bisogni”. Che “sia sufficiente alla nostra vita la Pasqua del Signore”, è l’auspicio finale del Papa,” per essere liberi dagli affanni delle cose effimere che passano e svaniscono nel nulla”:

“Che ci basti Lui, in cui ci sono vita, salvezza, risurrezione e gioia. Allora saremo servi secondo il suo cuore: non funzionari che prestano servizio, ma figli amati che donano la vita per il mondo”.

QUI L’ARTICOLO ORIGINALE

Tags:
omeliapapa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
3
Gelsomino Del Guercio
San Giuseppe sparisce dai Vangeli. Don Fabio Rosini ci svela il &...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MATKA TERESA Z KALKUTY
Cerith Gardiner
In caso di necessità, l’efficacissima preghiera da 5 secondi di m...
6
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
7
DON DAVIDE BAZZATO
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: ho desiderato un figlio, ma ho scelto la cast...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni