Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

10 cose che ho imparato dopo la morte di mio figlio

liebeslakritze-CC
Condividi

“Sono una persona nuova, una persona migliore…”

7. “La sua debolezza ci ha rafforzati”

Nostro figlio ci ha preparati alla sua morte. Di fronte al nostro grido “Perché lui?”, si è alzato nell’ospedale madrileno, ha indicato tutti quelli dell’unità oncologica che lo circondavano nella sala e ha chiesto con tono di voce alto e compassionevole: “E perché tutti loro?” Tutti dobbiamo morire, e dobbiamo saperlo fare. Noi ci sentiamo uniti a lui, e stare nell’associazione è qualcosa che ci aiuta a vivere come lui voleva che facessimo. La debolezza nascosta provoca tristezza, la debolezza accettata e condivisa porta alla forza dell’allegria che nessuno può togliere: “Da ricco che era, si è fatto povero per voi, perché voi diventaste ricchi per mezzo della sua povertà” (2 Cor 8, 9).

8. “Mi sento più vicina a Dio”

La morte di mio figlio mi ha avvicinata a Dio e mi ha fatto diventare più religiosa. In Lui trovo pace e consolazione. Anche lui si è aggrappato a Cristo quando ha dovuto vivere la cecità e il dolore nella sua malattia. Sentiva il suo aiuto, e ci ha esortati ad essere più religiosi. Ora, più che chiedere a Dio, mi sento unita a Lui, alla sua crocifissione, all’immagine delle sue cadute. E sento la sua compagnia e il suo incoraggiamento: “Ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo” (Mt 28, 20).

9. “Un modo nuovo di relazionarmi e di valutare le relazioni”

Ora il docente e il falegname hanno gli stessi sentimenti, possono sedersi allo stesso tavolo e condividere lo stesso pane, possono essere “compagni” perché hanno bevuto dallo stesso calice, e li unisce un sentimento che è unico nel dolore, ma anche nella consolazione e nella speranza. Alla felicità si arriva con il cammino della comunione e della fraternità: il cuore pieno di nomi. Dimmi dove arriva la tua relazione e ti dirò quanto sei felice: “Non rendete a nessuno male per male” (Rom 12, 17).

10. E tutto vissuto dal profondo e unanime desiderio “del reincontro”, della Resurrezione

Per loro tutto avrà senso se reincontreranno i propri figli nella vita che non ha fine. Nei loro desideri e nella loro speranza ho notato che la morte del figlio amato reclama la giustizia che sarà possibile solo se ci sono la resurrezione universale e l’incontro definitivo con l’amore che vince la morte per sempre, e dà senso a tutta la storia, inclusi i fallimenti, le morti di qualsiasi tipo… come ha fatto Dio Padre con il figlio crocifisso.

Dall’incontro con persone che si sono viste spezzare il cuore nella morte e che si sono ricostruite nella speranza possiamo recitare il Credo con più convinzione, dicendo ogni domenica: “Credo nella resurrezione dei morti e nella vita del mondo che verrà”. Amen.

——–
JOSÉ MORENO LOSADA, sacerdote dell’arcidiocesi di Mérida-Badajoz (Spagna) e docente dell’Università dell’Estremadura

 

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

 

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni