Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 17 Aprile |
Santa Kateri Tekakwitha
home iconChiesa
line break icon

Le domande davanti alle tombe: dove si va a finire dopo la morte?

Valerie Everett-cc

Toscana Oggi - pubblicato il 01/11/15


Eppure il cimitero può anche diventare il luogo in cui recuperiamo l’unità originaria dell’essere umano: Dio (Gen 1-2) fece l’adam bello e buono nella sua interezza e completezza. Al cimitero i segni mortiferi del peccato (morte, decomposizione, ma anche dolore e nostalgia) devono fare spazio, per contrario, all’invocazione della resurrezione come recupero in pienezza della bellezza e bontà del disegno creaturale: attendiamo la resurrezione anche come completamento, come crescita definitiva, per la quale non semplicemente immaginiamo di ricomporre l’unità di anima e corpo, ma immaginiamo compiuto il mistero d’amore su tutta l’umanità. Se riuscissimo un po’ a tenere a bada i sentimenti e la ragione, a volte inceppata in una sorta di cortocircuito, la visita ai resti mortali dei nostri cari defunti potrebbe trasformarsi nell’evento dell’invocazione della comunione con Dio e con tutta la Chiesa e anticipazione anche gioiosa della resurrezione che agli esseri umani, ormai maturi, potrebbe far dire in modo nuovo con Cristo tutto è compiuto (Gv 19,30), nel segno della pienezza ultima.

Questo spiega anche perché per la Chiesa è impossibile un pensiero sulla sorte delle anime che vada nella direzione della reincarnazione o della metempsicosi: l’uomo è una realtà totale, completa integrale; è stato voluto da Dio «bello e buono» nella sua interezza. Nonostante il peccato e la morte, la corporeità resta un valore, una positività da recuperare mediante la fatica dell’essere purificati, anche nella morte o dopo essa. Non sappiamo cosa sia in fin dei conti un corpo risorto (spirituale, bello, leggero, candido, splendente – sono solo alcuni dei termini della Scrittura indicanti comunque un mistero), ma sappiamo che sarà ricostituito integralmente l’essere umano, questo essere umano finalmente maturo nell’amore. E sarà ricostituito dal Cristo risorto e glorificato, che perfezionerà allora la nostra salvezza consegnandoci integralmente alla piena comunione con il Padre e lo Spirito Santo, comunione che egli, Verbo incarnato, già ha conquistato per noi con la sua Pasqua.

Detto questo, non mi pare abbia molto senso, nell’ottica della fede, cercare una specie di luogo fisico «abitato» dai defunti: piuttosto i defunti vanno ritrovati viventi in Dio nell’attesa della resurrezione finale.

  • 1
  • 2
Tags:
commemorazione dei defuntimorte
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
2
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
Lucandrea Massaro
“Cosa succede se un prete si innamora?”
5
AUGUSTINE;
Aleteia Brasil
8 grandi santi che soffrivano di depressione ma non si sono mai a...
6
MIGRANT
Jesús V. Picón
Il bambino perduto nel deserto ci invita a riflettere
7
Paola Belletti
È cieco chi vede in Isabella solo la sindrome di Down
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni