Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 22 Giugno |
San Luigi Gonzaga
home iconChiesa
line break icon

Le domande davanti alle tombe: dove si va a finire dopo la morte?

Valerie Everett-cc

Toscana Oggi - pubblicato il 01/11/15

Si avvicina il 2 novembre, come ogni anno tornerò al cimitero a trovare i miei cari. E come ogni volta mi porrò le stesse domande. Dove si va a finire dopo la morte? I resti mortali (l’ho visto riaprendo la tomba di mio padre) si decompongono in pochi anni. Il ricordo resta nelle persone care, ma con il tempo svanisce anch’esso. Gli scienziati studiano l’universo in ogni suo angolo e non hanno mai scoperto nulla che possa somigliare al Paradiso o all’Inferno. Io per fede accetto il mistero ma ogni tanto cerco (credo sia naturale) di capirci qualcosa di più, e rimango dubbioso.
Raffaele Benini

Risponde don Angelo Pellegrini, docente di Escatologia alla Facoltà teologica dell’Italia centrale.
Sono già stato a far visita ai resti dei miei cari nel cimitero del mio paese: personalmente non amo andarci quando ci sono troppe persone, ho bisogno di silenzio e concentrazione in quei momenti. In più, per motivi pastorali, non posso recarmi in cimiteri diversi da quello in cui faccio servizio liturgico nel giorno della commemorazione di tutti i fedeli defunti. Come il lettore, anch’io porto il fardello di molte domande importanti, sia prima di recarmi al cimitero, che dopo la visita, ma soprattutto durante. E le domande nella mia esperienza si accompagnano ad una dimensione di preghiera, nostalgia e dolore, al ricordo delle sofferenze di cui sono stato testimone e che hanno portato alla morte dei miei cari, o dei miei conoscenti, ma anche le mie sofferenze, acuite anche dal ricordo che nel tempo tende a perdere nitidezza.

Questo è il piano personale ben descritto dal lettore: una dimensione importante da vivere, con sentimenti seri che non vanno trascurati o minimizzati. Poi c’è la dimensione della fede, che talora deve lottare con tutto questo universo di pensieri e sentimenti, il quale può farsi in noi talora caotico: la fede ha lo scopo principale di portare una luce, una speranza, ma anche di far assaporare qualcosa fin da ora, che descriverei come una specie di anticipazione della resurrezione stessa. Il cimitero allora dovrebbe essere proprio questo luogo di esperienza e di preghiera, in cui non ci limitiamo a visitare i nostri cari, ma con essi attendiamo la risurrezione, nostra e loro. I corpi dei nostri cari sono morti; la loro anima non è necessariamente lì dove noi custodiamo decorosamente e rispettosamente le loro spoglie: la troviamo piuttosto nel mistero della comunione dei santi, quando riusciamo a percepire quel tessuto di grazia la quale, come trama dell’opera dello Spirito Santo, ci lega a quella porzione della Chiesa che adesso è al cospetto di Dio o viene purificata in attesa della visione beatifica piena.

Questo non è un luogo; le anime non sono «localizzabili»: per avere un contatto con costoro abbiamo la sola possibilità di immergerci nel mistero di comunione d’amore che in Dio ci costituisce, assieme, Chiesa (celeste, in purificazione, o terrestre). Solo nella preghiera reciproca si percepisce questo legame con tutta la Chiesa, anche quella che priva del corpo attende la resurrezione. Il cimitero, dunque, dovrebbe essere proprio quel luogo di preghiera, di amore, di speranza ove sia possibile quest’incontro, carico della dimensione affettiva tipica delle nostre visite alle spoglie dei nostri cari, ma anche di tutti gli altri defunti.

Questo corpo lo percepiamo sovente in maniera disarmonica rispetto all’anima e a tutta la dimensione spirituale umana, forse perché ne constatiamo il deteriorarsi fino alla decomposizione e al «tornare in polvere» (Gen 3,19).

  • 1
  • 2
Tags:
commemorazione dei defuntimorte
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Gelsomino Del Guercio
San Giuseppe sparisce dai Vangeli. Don Fabio Rosini ci svela il &...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Giovanni Marcotullio
«I rapporti prematrimoniali?» «Un vero peccato!» «Ma “mortale”?» ...
7
MORNING
Philip Kosloski
Preghiera mattutina per chiedere a Dio di benedire la nostra gior...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni