Aleteia
mercoledì 30 Settembre |
Santi Arcangeli
Chiesa

La barzelletta di papa Francesco sul parroco antisemita

AFP PHOTO / ALBERTO PIZZOLI

Pope Francis shakes hands as he leaves after his visit at the "Bambino Gesu" children's hospital on December 21, 2013 in Rome. AFP PHOTO / ALBERTO PIZZOLI

Ary Waldir Ramos Díaz | Aleteia | Fri Oct 30 2015

Il direttore del Congresso Ebraico Latinoamericano, Claudio Epelman, amico dell'ex arcivescovo Bergoglio, spiega ad Aleteia il simpatico aneddoto

Papa Francesco ha ricevuto questo mercoledì, 28 ottobre, nella residenza Santa Marta sei dei principali leader ebraici del mondo. L’incontro si è svolto prima dell’udienza generale interreligiosa in occasione del 50º anniversario della Dichiarazione del Concilio Vaticano IINostra Aetate
All’udienza privata era presente l’argentino Claudio Epelman, direttore esecutivo del Congresso Ebraico Latinoamericano, che ha riferito ad Aleteia che durante l’incontro il papa ha raccontato una barzelletta con il suo stile molto diretto per spiegare il legame storico che unisce cattolici ed ebrei.
“Il papa ha fatto allusione alla narrazione, ‘come fanno i rabbini’, per porre l’accento su un insegnamento. Ci ha raccontato la storia di un parroco che era molto antisemita, assolutamente antiebraico. La domenica è arrivato a Messa e ha iniziato la sua omelia attaccando in modo profondo, virulento e violento gli ebrei”, ha raccontato Epelman.“All’improvviso la chiesa si scuote, la predica si interrompe… Gesù scende dalla croce. Si gira, guarda la Madonna e le dice: ‘Mamma, andiamocene. Sembra che qui non ci vogliano’”, ha aggiunto.Gesù, Maria e Giuseppe erano ebrei…Il papa aveva già raccontato questa barzelletta nel settembre 2013, quando ha ricevuto in occasione dell’anno nuovo ebraico i leader del Congresso Ebraico Mondiale (WJC, dalle iniziali in inglese) in visita in Vaticano.
“Credo che questa storia così semplice raccontata dal papa dia una dimensione profondissima di quello che significa la questione dell’origine comune delle due comunità di fede”, ha commentato Epelman, che era presente anche a quell’incontro.

Il buonumore nei rapporti


Il presidente del WJC, Ronald Lauder, alcune ore dopo la riunione con il papa ha detto alla stampa che “i rapporti tra cattolici ed ebrei non sono mai stati migliori in tutti i duemila anni di storia”. Questo rapporto passa anche per il buonumore, come quando nel 2013 i fratelli maggiori del cristianesimo – così li chiamava Giovanni Paolo II – hanno detto al papa argentino appena tornato dalla Giornata Mondiale della Gioventù in Brasile che aveva compiuto un prodigio: “Ora ai brasiliani piace un argentino. È un miracolo!”

Lezioni dell’inedita udienza interreligiosa


Epelman, rappresentante della comunità ebraica latinoamericana, ha raccontato altri dettagli del significato della celebrazione di mercoledì in Piazza San Pietro in ricordo del 28 ottobre 1965, quando Paolo VI approvò il documento che ha cambiato i rapporti della Chiesa cattolica con le religioni non cristiane. “Credo che quello che ha realizzato oggi papa Francesco sia un fatto straordinario nella storia delle relazioni tra ebrei e cattolici. Il fatto che accanto al papa fosse presente una delegazione di 150 leader ebraici provenienti da più di 60 Paesi è importante”. “Lo abbiamo accompagnato nel momento in cui si rivolgeva al popolo cattolico esprimendogli i modi in cui gli uomini di fede devono relazionarsi con gli ebrei e le persone di altre religioni; rappresenta davvero un punto molto elevato nelle nostre relazioni”, ha continuato. “È stato uno dei momenti più straordinari a cui ho avuto l’opportunità di partecipare durante il rapporto di lavoro che portiamo avanti da molti anni tra le due comunità di fede”, ha sottolineato Epelman. In che modo la Dichiarazione del Concilio Vaticano II Nostra Aetate ha cambiato le relazioni tra la Chiesa cattolica e la comunità ebraica?“Per quasi duemila anni il rapporto tra cattolici ed ebrei è stato stigmatizzato. Noi ebrei abbiamo subito persecuzioni, discriminazione, l’Inquisizione, le espulsioni dai Paesi”, ha ricordato.“Dopo quasi duemila anni, all’improvviso la storia si è fermata e si è ripartiti da zero. Si è aperta un’opportunità di dialogo positivo, di riconciliazione, di fraternità e di scoperta di qualcosa che è stato meraviglioso, ovvero il rapporto tra ebrei e cattolici, uniti da una radice comune, come ricorda il papa quando dice che un cattolico non può essere antisemita perché tutti i cristiani hanno oradici ebraiche”.
Circa la vecchia amicizia tra l’arcivescovo Bergoglio e le comunità ebraiche ai tempi di Buenos Aires, Epelman ha sottolineato: “Ho avuto modo di conoscerlo molti anni fa, e dal momento in cui l’ho conosciuto ho capito che per lui il momento più sensibile della sua vita personale aveva a che vedere con il Natale. Allora ho iniziato ad accompagnarlo alla Messa di mezzanotte. Ci invitava a cenare in un ambiente molto semplice, quello che caratterizza Francesco, con molta umiltà. Condividevamo la sera della vigilia e nel corso di molti anni abbiamo costruito un vincolo personale con lui”.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
concilio vaticano iidialogo ebraico cristianopapa francesco
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: "Ho visto i ...
Gelsomino Del Guercio
Parla il sacerdote che ha vinto 35mila euro a...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Oleada Joven
Lettera di Gesù a te: dalla mia croce alla tu...
LUXOR FILM FESTIVAL
Zoe Romanowsky
Un filmato potente di appena un minuto sul ma...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni