Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 13 Giugno |
Sant'Antonio da Padova
home iconNews
line break icon

“Finiremo col mangiare locuste come san Giovanni Battista?”

Gelsomino Del Guercio - Aleteia - pubblicato il 29/10/15

L'Unione Europea incentiva il consumo di insetti. L'Oms spaventa sul nesso tra carni rosse e tumori. L'ideale sarebbe mangiare nel segno della moderazione

Come Giovanni Battista nel deserto. A nutrirci di locuste e altri insetti. Uno scenario tutt’altro che ipotetico, almeno stando a quanto sta accadendo in questi giorni.

D’altro canto il rapporto dell’Organizzazione Mondiale della Sanità sul nesso tra tumori e carni rosse, come riporta Il Post (25 ottobre), è stato tranchant.

IL RAPPORTO OMS

«Un atteso rapporto è stato pubblicato il 26 ottobre dall’OMS – l’Organizzazione Mondiale della Sanità, agenzia dell’ONU che si occupa di salute e medicina – in cui viene detto che il consumo di carne lavorata, cioè affettati, würstel e bacon, aumenta il rischio di contrarre il tumore al colon. L’OMS ha inoltre detto di avere a disposizione «prove non definitive» che indicano che anche la carne rossa è probabilmente cancerogena (classificazione 2A)».

Di pari passo l’Unione Europea sta incentivando una campagna decisamente sui generis come riporta Il Giornale (28 ottobre).

FONDI PER MANGIARE INSETTI

«Locuste, grilli, ragni, vermi: diciamo la verità, non fanno venire l’acquolina in bocca. Eppure ben 1400 specie di insetti sono mangiate in Africa, Asia e America Latina. Ve ne sono moltissimi che contengono proteine, alta quantità di calcio, basso contenuto calorico. E come le alghe, gli insetti hanno un ulteriore vantaggio: sono piccoli. La loro produzione, anche su larga scala, non richiede tanto spazio. E non inquina l’atmosfera. L’Unione Europea ha recentemente stanziato un finanziamento di 3 milioni di euro per ogni paese membro della Ue che incoraggi l’uso degli insetti in cucina».

Ma i dati in Italia sembrano smentire le buone intenzioni della Unione Europea. Scrive Il Sole 24 Ore (28 ottobre).

«Un’analisi Coldiretti/Iprmarketing rileva che sono appena l’8% gli italiani che assaggerebbero gli insetti, mentre il 7% si farebbe tentare dai ragni fritti».

GLI ESPERTI CHIARISCONO

Per evitare sterili psicosi ed un futuro da mangiatori di insetti, sono scesi in campo una serie di esperti a correggere il tiro sul rapporto carni rosse/tumori. La Repubblica (26 ottobre) ha intervistato uno dei maggiori esperti di malattie oncologiche.

«Il professor Berrino dell’istituto dei Tumori di Milano spiega che le carni salate, essiccate e affumicate sono da evitare o da mangiare in casi davvero eccezionali. Per quanto riguarda invece la carne rossa, è sufficiente mangiarla con moderazione. Soprattutto – spiega il professore – bisogna fare attenzione ad abbinarla sempre ad un bel piatto di verdure che hanno proprietà antiossidanti»

Anche Paolo Vineis, professore alla Imperial College London, uno dei 22 ricercatori dell’Agenzia per la ricerca sul cancro dell’Oms, ha corretto il tiro sempre a La Repubblica (29 ottobre).

«Il gruppo ha valutato la cancerogenicità della carne rossa e processata, facendola entrare nel gruppo 1 della lista Iarc delle sostanze nocine, che comprende anche il fumo, l’arsenico, lo smog, l’alcol. “Il fumo di tabacco provoca un aumento del rischio del cancro del polmone di 20 volte, nella carne processata l’aumento del rischio del cancro al colon è del 18% circa per ogni 50 grammi consumati al giorno”. Il professore spiega quindi che il gruppo 1 non determina la pericolosità di una sostanza, ma la solidità delle prove scientifiche sulle quali viene fatta la valutazione».

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Gelsomino Del Guercio
Strano cerchio bianco sulla testa del Papa. Il video diventa vira...
3
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
4
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Claudio De Castro
Sono andato a Messa distratto, e Gesù mi ha dato una grande lezio...
7
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni