Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Se Charamsa scrive al Papa, io scrivo al prete che sono!

Courtesy of Artykuł osiemnasty
Condividi

Siamo in tanti ad essere ‘perseguitati’ a causa del nome di Gesù, e ci sono anche altri oppressi, dimenticati, lesi nella loro dignità a causa dei sistemi ingiusti, inumani, corrotti. Anche chi difende i piccoli, i poveri, gli indifesi o chi è contro la mafia e la corruzione – economica, sociale, ideologica – è perseguitato. Solo chi è libero è perseguitato e ucciso. Solo chi è libero è libero e capace di subire la persecuzione.

Ogni persecuzione deve essere denunciata, condannata e con forza resa pubblica per costruire un mondo nuovo, autentico e rinnovato. Anche le lobby pedofile si sentono dei perseguitati, perché la società non accetta la possibile e normale condizione affettiva che un adulto possa e debba vivere con i bambini – consenzienti, in una età compresa tra pochi mesi fino a 12 anni. In fondo, pensandoci bene – secondo queste rivendicazioni – si sentono condannati dalla società e dalla Chiesa.

Se si ammette che la Chiesa condanna i ‘gay’ e gli ‘omosessuali’, non mi sono mai spiegato del perché sono a conoscenza di tanti fratelli nel sacerdozio hanno nella vita questo orientamento omosessuale e vivono il ‘celibato’ come me e come più di 400.000 preti nel mondo.

Da ‘teologo’ preparato e intelligente come Charamsa non posso accogliere queste ‘pretese’. Il sacerdozio cattolico richiede – nella libertà – il celibato – non essere sposato – che alla luce e agli occhi dell’umano anche se risulta difficile da capire, visto come castrante, è una grazia e un dono. E chi lo vive lo testimonia. Non sono scandalizzato della ‘fragilità e dell’errore umano’. Ebbene – questi miei confratelli – non abbiano paura di dire che si è omosessuali, ma non mi dicano che hanno il compagno o che abbiano una relazione stabile o che facciano ‘serate piccanti’. Questo vale anche per gli eterosessuali, che nascondono relazioni amorose e che hanno figli sparsi dopo degli incidenti di percorso.

Essere ‘sacerdoti è bello’, difficile e scomodo con i molti rischi in questo mondo globalizzato che spesso banalizza tante cose della vita. E’ vero nessuno è chiamato a giudicare, ma ‘ascoltino o non ascoltino’ bisogna sottolineare alcune scelte di vita che hanno offerto e beneficato tanti, molti. Nessuno ci costringe a fare i preti così come vuole la Chiesa Cattolica, una Chiesa in cammino di conversione, ‘meretrice e casta’, umana, irrorata da quel ‘tra voi non sia così’ e dall’azione vivificante dello Spirito.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni