Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Uccideresti questo bambino sapendo che è Hitler?

(c) Wikicommon
Condividi

Una domanda crudele per una idea distorta sul libero arbitrio

Se per assurdo vi fosse permesso d’incontrare Hitler bambino lo uccidereste? Sembra la trama di un fanta thriller sui viaggi nel tempo, invece è la domanda del sondaggio che il New York Times ha sottoposto ai suoi lettori. Ieri è stato comunicato via Twitter il risultato: il 42% se la sentirebbe di uccidere quel bambinone dagli occhi sognanti che sarebbe diventato il Fuhrer nazista. Il 30% è contrario, il 28% non ha saputo prendere una decisione.

Così il quotidiano torinese La Stampa raccontava la “particolare” domanda rivolta dal prestigioso quotidiano americano ai propri lettori una manciata di giorni fa. Lo spunto era il clamore del “Back To The Future Day” e gli esiti per certi versi inquietanti di questo sondaggio.

Ora è bene dire immediatamente una cosa: i sondaggi via Twitter non hanno nessun valore scientifico. Ci dice però che ormai abbiamo “imparato” (grazie alla letteratura di fantascienza e a quella fantasy) che il tempo si può manipolare, ma ancora di più abbiamo ormai “chiaro” che ognuno di noi è in qualche modo predestinato a fare quello che farà, che non c’è nulla che si può fare se non attuare soluzioni radicali come l’omicidio per fermare quello che diventerà il più grande stragista della storia del ‘900. Tuttavia come si vede in questo “sondaggio” sono tantissimi che sarebbero disposti ad uccidere l’innocente (Adolf bambino) per punire il criminale (Hitler adulto). Eppure pensavamo di aver lasciato alle nostre spalle i processi sommari alle streghe e agli indemoniati….

E’ proprio così: abbiamo elaborato l’illusione di poter leggere in ogni umano digitalizzato il segno premonitore, sia del genio che dell’abiezione. Oggi lo chiamiamo “metadato“, e ancora non sappiamo fino a quale profondità di lettura Google sia già arrivato a classificarci e archiviarci nella sua memoria più profonda e inaccessibile. Quando il metadato indica il male potrebbe essere considerato l’equivalente di ciò che una volta chiamavano il segno del demonio, magari era solo un neo, ma era sufficiente per mandare una strega al rogo convinti di risparmiare così grandi pene all’umanità. Esattamente come ha proposto il gioco di anacronismo eugenetico del New York Times.

E voi cosa fareste?

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.