Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 25 Settembre |
San Cleopa
home iconNews
line break icon

Giovanni, vescovo e…sommelier: la leggenda dell’Est! Est!! Est!!!

Mirko Testa - Aleteia - pubblicato il 26/10/15

Già dal Cinquecento, periodo in cui, grazie al sempre maggior impiego della stampa, si diffuse anche l’uso delle carte geografiche, tra i luoghi più noti dell’intero continente vi era Montefiascone, segnato sulla via Cassia nel Viterbese.

La località doveva la sua fama a un aneddoto della Storia del Vescovo, meglio consociata come Leggenda dell’Est! Est!! Est!!!, nata, come altre fantasie storiche, dalla tendenza a costruire una prospettiva narrativa attorno ad alcuni elementi determinati dal particolare contesto storico e geografico di Montefiascone.

La grande notorietà del vino, considerato per secoli il miglior vino moscatello d’Italia; il rilevante transito di viaggiatori assetati di mirabilia e stravaganze; la presenza di una figura giacente, ormai anonima, scolpita su una pietra tombale sono all’origine dell’immaginario racconto che tanto nutrimento trasse dall’invenzione popolare e dal piacere di meravigliare.

Questa, in sintesi, la storia: nel 1111 giunse in Italia, al seguito dell’imperatore Enrico V, il vescovo tedesco Giovanni Deuc (o Defuk) di Augusta. Questo nobile incaricò un servitore di nome Martino di precederlo sul percorso e di segnalargli con la parola “Est” (cioè “c’è del buon vino”) le località meritevoli. Martino segnalò con due “Est” il buon vino di Montepulciano e con tre quello eccezionale di Montefiascone.

Qui giunto, Deuc vi si fermò e, tra una bevuta e l’altra, visse fino al 1113, anno in cui morì a causa di una colossale sbornia. Nel testamento lasciò il suo cospicuo patrimonio, circa 13.000 scudi, alla comunità, a condizione che ogni anno venisse versata sulla sua tomba in S. Flaviano, una botticella di vino. La tradizione sopravvisse fino alla fine del Seicento.

Ai piedi della lastra sepolcrale di questo personaggio dall’identità sconosciuta, venne aggiunta una lapide supplementare con l’epitaffio:

EST EST EST  PRT NIU EST

HIC IO DEUC D

MEUS MORTUUS EST

Che significa: “A causa del troppo EST EST EST, qui giace il mio signore Giovanni Defuk”.

Tags:
vino
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il gender è una “ideologia diabolica”. Serve pastorale c...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
FATIMA
Marta León
Entra nel Carmelo a 17 anni: “Mi getto tra le braccia di Dio”
5
Gelsomino Del Guercio
Scandalo droga e festini gay con il prete: mea culpa del vescovo ...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
SHEPHERDS
José Miguel Carrera
Il dolore dei genitori per i figli che non vogliono più sapere ni...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni