Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 26 Febbraio |
Religiosa e Fondatrice
home iconChiesa
line break icon

Il prete che ha insegnato al Papa a predicare

Paolo Pegoraro - Credere - pubblicato il 26/10/15

L’autore dei libri che Francesco ha regalato a Fidel Castro racconta la sua vita, passata a “inquietare i parrucconi”

«Chi conosce il Vangelo finisce col perdere la sicurezza. Soltanto chi lo ignora può ostentare una certa sicurezza». Sembrano parole di papa Francesco, invece sono tratte da Vangeli scomodi, uno dei libri che il Pontefice ha regalato a Fidel Castro durante la recente visita a Cuba. E, sfogliandone le pagine, lo stile pare proprio quello delle omelie di Santa Marta. Forse il suo autore ha suggerito al Papa come predicare? In effetti, quando era a Buenos Aires, il cardinale Bergoglio adoperava i commentari scritti da un altro piemontese, don Alessandro Pronzato, per preparare le sue omelie. E, fatto Papa, non ha esitato a contattarlo. Pronzato oggi ha 83 anni e si è ritirato a Lugano. Tra le tante cose fatte, ricorda la direzione del giornale diocesano di Casale Monferrato e l’insegnamento alle elementari per nove anni: due esperienze che gli hanno insegnato a parlare chiaro.

Poi, l’imprevisto. Una malattia polmonare lo costringe a un lungo ricovero al sanatorio di Pineta di Sortenna, in Valtellina, dove rimarrà a dirigere per vent’anni un centro di spiritualità. Un esilio? Sì, ma provvidenziale. «L’impulso a scrivere è venuto dal non poter fare altro. E il mio vescovo, scrittore anche lui, mi sollecitò a utilizzare questo talento».

Uno dei suoi primi libri, Vangeli scomodi, uscì non senza polemiche…

«Quel libro ha ormai quasi cinquant’anni di vita e tante edizioni, ma dicevano che lo stile era troppo giornalistico. Allora papa Paolo VI, durante un’udienza particolare, mi disse queste testuali parole: “Non badi ai parrucconi! Scriva come sta scrivendo, perché è così che bisogna scrivere oggi”. Quel viatico mi ha accompagnato al traguardo di 135 libri».

Oggi quel libro conta tra i suoi lettori il Papa e Fidel Castro. Com’era nato?

«Pensavo che non bastasse ripetere quello che avevano già detto altri, quindi ho cercato di interpretare il Vangelo secondo schemi nuovi. Bisogna avere il coraggio di fare qualcosa di diverso. E il riscontro l’ho avuto dalle molte lettere di persone non credenti o da chi, sull’orlo del suicidio, confidò che una pagina l’aveva rimesso in piedi… Vado a rileggere quella pagina e mi rendo conto che la Parola non ci appartiene. Io ci metto il cuore e la fatica, perché da tanti anni mi alzo ogni giorno alle 4 del mattino per scrivere, ma non dipende da noi. La Parola va dove il Signore vuole che vada. Certo, non mi sarei mai aspettato questo riscontro con il Papa…»

Che però non è il primo. Papa Francesco le aveva già scritto…

«Due mesi dopo l’elezione mi mandò un mio libro, Un prete si confessa, che non gli avevo mandato io, con questa dedica: “Ad Alessandro Pronzato, suscitatore di inquietudini. Con tanta riconoscenza, Francesco”. Mi disse poi che quando era a Buenos Aires si serviva dei miei commenti ai Vangeli – tradotti in spagnolo – per le sue omelie. Mi conosceva già da tanto tempo, anche se non di persona. E poi, quando è stato fatto Papa, si è fatto vivo lui con me. In seguito sono stato ancora malato e ricoverato d’urgenza, e il Papa mi ha scritto una lunga lettera di suo pugno, invitandomi a reagire e a riprendere l’attività, perché ce n’è bisogno. Infine, prima di andare a Cuba, lui stesso mi ha chiesto se avevo alcuni miei libri tradotti in spagnolo. Gliene ho mandati dieci e lui ha scelto Vangeli scomodi e La nostra bocca si aprì al sorriso, che è un libro su umorismo e fede».

Perché ha scelto proprio questi due?

«Non posso entrare nella mente del Papa! Vangeli scomodi lo avrei scelto anch’io, mentre mi ha sorpreso che abbia scelto quello sull’umorismo».

  • 1
  • 2
Tags:
san pio da pietrelcinaumorismovangelo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CATERINA SCORSONE
Cerith Gardiner
19 personaggi famosi orgogliosi dei propri figli con necessità sp...
2
POPE EASTER
Gelsomino Del Guercio
Papa Francesco: “Non dovete mai convincere un non credente”
3
CAIN AND WIFE
Francisco Vêneto
Con chi si è sposato Caino, se Adamo ed Eva avevano solo figli ma...
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
MUM, HUG, CHILD
Annalisa Teggi
Mamma si suicida insieme al figlio, ma lo salva con l’ultim...
6
FAUSTINA
don Marcello Stanzione
I Cherubini e l’Inferno: le visioni degli angeli di santa Faustin...
7
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti maligni a San Miche...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni