Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 28 Settembre |
San Venceslao
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Il mea culpa dei Carmelitani: si faccia luce sullo scandalo

carmelitani scalzi

You Tube

Gelsomino Del Guercio - Aleteia - pubblicato il 15/10/15

Il giro di prostituzione denunciato da alcuni componenti dell'ordine aveva indignato Papa Francesco che aveva chiesto "perdono"

Dopo la richiesta di perdono invocata da Papa Francesco per gli «scandali» che hanno colpito «negli ultimi tempi» la Chiesa, arrivano le scuse dei Carmelitani.

“CERCARE LA VERITA’ NON LO SCANDALO”

«Ci sono dei sospetti e delle accuse pubbliche, noi non sappiamo e possiamo dire cosa c’è di vero in tutto questo. Si deve cercare con sincerità non lo scandalo ma la verità». Così il vicario dei Carmelitani, padre Agustì Borrell, commenta a Tv2000 (15 ottobre) lo scandalo che ha investito la congregazione e denunciato da una lettera inviata da un «folto gruppo della comunità parrocchiale» ai vertici della Santa Sede e che accusa un prelato coinvolto in un giro di incontri gay a Roma (Corriere della Sera, 15 ottobre).

“PERDONO PER DEBOLEZZE E PECCATI”

«Siamo in sintonia con il Papa nel chiedere perdono – aggiunge padre Borrell – Il Pontefice ha fatto un appello in cui ha chiesto perdono a nome di tutti, non ha parlato di casi concreti, non sappiamo esattamente a chi si riferiva ma certo da parte nostra siamo sempre pronti, come cristiani, a chiedere perdono per tutti gli sbagli, le debolezze, i peccati nella nostra vita come avviene nella vita di tutti» (La Repubblica, 15 ottobre).

UNA STORIA DI GIOIE E TRISTEZZE

Parlando dello scandalo padre Borrell non nega che ci siano delle «ombre». «La storia umana – dice il vicario generale dei Carmelitani – è stata sempre così, c’è un intrecciarsi di gioie e tristezze, di cose straordinariamente buone e risvolti negativi della vita umana. Noi carmelitani in questi giorni viviamo la grande gioia della conclusione di questo quinto centenario della nascita di Teresa di Gesù, viviamo la gioia della canonizzazione dei genitori di Santa Teresa di Lisieux e viviamo anche le ombre della realtà, a volte difficile e travagliata, della nostra storia attuale in cui continuano ad esserci grandi prove di fedeltà e santità».

E per far luce su questa torbida vicenda, la procura di Roma ha aperto un fascicolo. Un’indagine per ora senza ipotesi di reato e senza indagati.

Tags:
carmelitanipapa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni