Aleteia
martedì 27 Ottobre |
Santi Luciano e Marciano
Chiesa

Viaggiatori anonimi fermi all’imbarco. Il dramma di una vita che non comincia mai

Flickr/Paolo Margari/Creative Commons

padre Gaetano Piccolo - Rigantur Mentes - pubblicato il 10/10/15

Mentre usciva per mettersi in viaggio, un tale gli corse incontro e, gettandosi in ginocchio davanti a lui, gli domandò: «Maestro buono, che cosa devo fare per avere la vita eterna?». Gesù gli disse: «Perché mi chiami buono? Nessuno è buono, se non Dio solo. Tu conosci i comandamenti: Non uccidere, non commettere adulterio, non rubare, non dire falsa testimonianza, non frodare, onora il padre e la madre». Egli allora gli disse: «Maestro, tutte queste cose le ho osservate fin dalla mia giovinezza». Allora Gesù, fissatolo, lo amò e gli disse: «Una cosa sola ti manca: va’, vendi quello che hai e dàllo ai poveri e avrai un tesoro in cielo; poi vieni e seguimi». Ma egli, rattristatosi per quelle parole, se ne andò afflitto, poiché aveva molti beni. Gesù, volgendo lo sguardo attorno, disse ai suoi discepoli: «Quanto difficilmente coloro che hanno ricchezze entreranno nel regno di Dio!». I discepoli rimasero stupefatti a queste sue parole; ma Gesù riprese: «Figlioli, com’è difficile entrare nel regno di Dio! È più facile che un cammello passi per la cruna di un ago, che un ricco entri nel regno di Dio». Essi, ancora più sbigottiti, dicevano tra loro: «E chi mai si può salvare?». Ma Gesù, guardandoli, disse: «Impossibile presso gli uomini, ma non presso Dio! Perché tutto è possibile presso Dio». Pietro allora gli disse: «Ecco, noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito». Gesù gli rispose: «In verità vi dico: non c’è nessuno che abbia lasciato casa o fratelli o sorelle o madre o padre o figli o campi a causa mia e a causa del vangelo, che non riceva già al presente cento volte tanto in case e fratelli e sorelle e madri e figli e campi, insieme a persecuzioni, e nel futuro la vita eterna (Mc 10,17-30)

Il viaggio non è sempre facile, soprattutto perché molte volte il viaggio rimane solo un desiderio. Vorremmo partire forse un po’ per fuggire, forse un po’ per cambiare vita. Mettersi in viaggio è anche decidere la propria strada, tornare o dirigersi là dove sentiamo di avere il cuore. Nel linguaggio biblico, decidere il santo viaggio è tornare a Gerusalemme, nella terra dei propri padri, è riappropriarsi della propria identità.

Il viaggio della vita non è esente da tempeste: venti diversi soffiano sulle nostre vele, venti che ora ci spingono verso la meta, venti che ci trattengono e ci spaventano. Comunque sia, i venti sono una risorsa: senza venti, saremmo costretti all’immobilità. La calma piatta è la condizione peggiore, quella che ci costringe a stare fermi. Al contrario, possiamo imparare a dirigere le nostre vele in modo da utilizzare ogni tipo di vento per proseguire nella direzione che desideriamo: è questa la prudenza, la virtù del discernimento, che ci mette in ascolto della direzione dei venti e ci insegna ad usarli per proseguire nella direzione che abbiamo scelto (cf Sap 7,7-11).

Talvolta però non riusciamo a partire affatto, perché non abbiamo il coraggio di levare le ancore o perché abbiamo accumulato talmente tante zavorre da non ricordarci più neppure dove le abbiamo nascoste.

Il protagonista di questo passo del Vangelo è l’uomo delle zavorre, l’uomo che ne ha accumulato talmente tante, quasi per sentirsi più sicuro nella sua stabilità, al punto da non avere più il coraggio di rimuoverle per poter ripartire.

Il Vangelo lo definisce come un tale, uno qualunque, uno perso nell’anonimato. Si è anonimi quando non si portano più desideri nel cuore. L’uomo anonimo, come tanti uomini del nostro tempo, è l’uomo senza desideri. Persino la sua ricerca di eternità è diventata un dovere: così come per tutta la vita è andato avanti solo osservando delle regole, assolvendo dei compiti, rispondendo a delle attese, così adesso vede anche l’eternità (ovvero la felicità, il senso della vita, la vita piena) come un diritto da conquistare.

Parla della vita eterna come eredità, con un linguaggio giuridico, che esclude la gratuità: l’eredità la si ottiene e la si raggiunge solo con la morte del padre, forse un’allusione chissà al rifiuto della relazione con il Padre. Questo tale dichiara la sua disponibilità ad un impegno ancora maggiore pur di meritare la vita eterna. Anzi, mostra a Gesù tutti i suoi trofei: nella vita ha raggiunto grandi traguardi grazie al suo impegno; non si è mai rilassato, ma ha vissuto sempre la sua vita con totale dedizione al lavoro spirituale. In fondo – sembra dire – dopo tutto l’impegno di una vita, sarebbe anche il caso di concedermelo questo premio di produzione! E invece ancora non riesce a dare un senso alla sua vita. Dove sta l’errore? Cosa ho sbagliato nella vita?

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
vangelovangelo della domenica
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Gelsomino Del Guercio
Scomunicato Vlasic, ex padre spirituale dei v...
Padre Fortea exorcista
Francisco Vêneto
Il demonio e le chiese date alle fiamme: per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Mirko Testa
Quali lingue parlava Gesù?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni