Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 12 Giugno |
Cuore Immacolato
home iconChiesa
line break icon

No Don Gino, la pedofilia non si può “capire”, specie per un sacerdote…

Lucandrea Massaro - Aleteia - pubblicato il 07/10/15

Intervistato da La7 e poi da Repubblica il sacerdote sembra non capire cosa ci sia di tremendo anche solo nel tentare di contestualizzare

«Purtroppo ci sono bambini che cercano affetto, perché non ce l’hanno in casa. E magari se trovano qualche prete, può anche cedere, insomma. E lo capisco questo» Con queste parole rilasciate al programma di La7, l’Aria che tira, ieri, don Gino Flaim ha fatto ricadere la Chiesa cattolica – intesa primariamente come comunità – nel drammatico ricordo dello scandalo pedofilia.

Oggi su Repubblica prova a difendersi in una intervista «Ma che ho detto di tanto grave?» dice e poi spiega:

Ha detto che giustifica i preti pedofili? «Ho detto che li capisco, non che li giustifico. È molto diverso». Ha detto che il problema sono i bambini che cercano affetto. «È vero, ci sono certi bambini che cercano affetto e se non lo trovano in famiglia lo trovano altrove: l’ho detto e lo ribadisco. È qui che cascano gli educatori. C’entra con tutti, non solo con i preti. Se gli educatori non sono come si deve sono i primi pedofili. Con alcuni bambini gli educatori sono i primi che ci cascano. Ma non li giustifico. Sono pienamente d’accordo con quanto ha detto Papa Francesco, sulla sua condanna verso certi atti. Lo sa che in una parrocchia avevamo problemi a organizzare il campeggio perché c’era un educatore che voleva solo stare vicino ai bambini? Ma io non l’ho accettato». Che pensa della pedofilia tra i sacerdoti? «Io dico che qualche prete pedofilo ci può essere, non mi meraviglio. Ma non li giustifico. La pedofilia è una malattia, ecco cos’è. Bisognerebbe parlarne con un medico. La Chiesa deve aiutare questi peccatori, occorre misericordia. Poi, ovvio che se uno fa il parroco magari, va allontanato dalle sue funzioni».

Nel frattempo la Curia trentina lo ha sospeso in attesa di chiarimenti.

Ma la sottovalutazione o il cercare di contestualizzare è criminoso se non criminale in senso letterale e soprattutto amareggia quando a farlo è una persona consacrata a cui i bambini vengono spesso e volentieri affidati i bambini dalle famiglie con fiducia. Facciamo nostre le parole di Don Fortunato di Noto, da anni in prima fila nella lotta alla pedopornografia con l’associazione Meter:

L’apologia e l’istigazione pedofila è reato, non solo in Italia. Infatti: la nuova fattispecie (Convezione di Lanzarote, 1 ottobre 2012) punisce con la reclusione da un anno e sei mesi a cinque anni, e salvo che il fatto costituisca più grave reato, chiunque, con qualsiasi mezzo e con qualsiasi forma di espressione, pubblicamente istiga a commettere, in danno di minori.Non è la prima volta che si chiede di intervenire, alle forze di Polizia, ma anche al buon senso e alla mobilitazione sociale. Alla assunzione di responsabilità di tutti. L’ennesimo e ultimo caso del prete trentino (o per ignoranza, o per leggerezza, o per stupidità, o manipolazione della informazione) che giustificava e banalizzava la pedofilia e le sue conseguenze sui bambini, non è isolato. Non perché lo dice un prete (che fa sempre più scalpore ed è condannabile), la diocesi di Trento è intervenuta con fermezza ‘revocando l’incarico di collaboratore pastorale e la facoltà di predicare’ (per chi è prete sa cosa significa questo provvedimento). Vicenda comunque da accertare approfondendo la stessa difesa del sacerdote.Dobbiamo tutti vigilare e stare attenti a non banalizzare, o farci condizionare dalle informazioni globalizzate, soprattutto quando riguardano i diritti e la tutela dei bambini; di tutti gli uomini che già vivono una situazione di povertà, debolezza e sono influenzabili e vulnerabili. La pedofilia è uno dei crimini e reati gravi e che genera un indotto di produzione pedopornografica senza precedenti. Le ‘lobby pedofile’ sempre più alleate con le ideologie fluide stanno cercando di imporre la ‘normalizzazione e la giustificazione’, a tal punto che ‘gli stessi bambini possono scegliere, anche se diventare pedofili, o il proprio partner adulto’. Del resto dicono ‘ che c’è di male’. Testimonio che c’è molto di male, c’è orrore.

Tuttavia – e con questo non vogliamo minimamente difendere don Gino – resta da capire perché ad un uomo di oltre 70 anni che – ci fa sapere Giuliano Guzzo – è conosciuto per essere un po’ sui generis, e confusionario nelle sue esternazioni quanto nelle sue catechesi ed omelie, si sia voluto chiedere cosa pensasse di omosessualità e pedofilia. Don Gino non è nemmeno parroco, e Trento non è dietro l’angolo venendo da Roma…

Tags:
pedofilia nella chiesa
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Gelsomino Del Guercio
Strano cerchio bianco sulla testa del Papa. Il video diventa vira...
3
Histórias com Valor
Bambino uscito dal coma: ho visto la mia sorellina abortita
4
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
5
Claudio De Castro
Sono andato a Messa distratto, e Gesù mi ha dato una grande lezio...
6
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
7
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni