Aleteia
domenica 25 Ottobre |
Sant'Antonio Maria Claret
Chiesa

“Dio o Niente”: intervista esclusiva al cardinale Robert Sarah

© Antoine Mekary / ALETEIA

Diane Montagna - Aleteia - pubblicato il 02/10/15

Parla di misericordia, peccato, partecipazione alla Chiesa e dell'urgente bisogno di rispettare la Santa Eucaristia

Il figliol prodigo è andato via di casa per dire “Sono indipendente, sono autonomo da mio padre”, e suo padre vuole perdonarlo. Ma se non torna a casa non può essere perdonato. E tornare a casa significa lasciarsi il peccato alle spalle.

È solo uno dei pensieri condivisi dal cardinale Robert Sarah, che ha parlato in esclusiva con Aleteia all’Incontro Mondiale delle Famiglie svoltosi a Philadelphia la scorsa settimana.

Nominato prefetto della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti nel 2014, è stato uno dei primi sacerdoti ad essere ordinati in Guinea, nell’Africa occidentale, e attribuisce la propria fede alla generosità dei missionari spiritani, giunti nel suo villaggio nel 1912.

Il cardinale Sarah è stato uno degli oratori di spicco all’Incontro di Philadelphia, pronunciando un discorso intitolato The Light of the Family in a Dark World (La luce della famiglia in un mondo oscuro), che è stato accolto con grande favore.

In questa intervista, il porporato parla del suo nuovo libro Dio o Niente, della portata dell’autorità papale e del perché l’autentica misericordia dipende da un allontanamento dal male e dal pentimento per i peccati.

Sua Eminenza, il suo nuovo libro si intitola Dio o Niente. Perché ha scelto questo titolo, e qual è il cuore del suo messaggio?

Come sa, da prima del Concilio Vaticano II ad oggi Dio è scomparso sempre di più; [per molti] non esiste più. Nessuno è interessato a Lui, soprattutto in Occidente. Già al Concilio, si voleva aiutare il mondo a riscoprire Dio.

L’idea principale del mio libro è come dare a Dio il primo posto nei nostri pensieri, nelle nostre azioni quotidiane e nel nostro essere, di modo che Dio torni veramente ad essere nostro Padre.

L’economia è importante, la politica è importante, molte cose sono importanti, ma se perdiamo Dio siamo come un albero senza radici: muore. E quindi il cuore del libro è mettere Dio al primo posto nella mia mente, nelle mie azioni quotidiane e nel mio essere. In questo modo, l’uomo non perderà le sue radici.

Nella cultura Occidentale si dice già “Non abbiamo radici cristiane”. È illogico. La cultura, l’architettura, l’arte: è tutto cristiano. Negare ciò che è ovvio è un suicidio.

Io ho conosciuto Dio attraverso i missionari. Molti di loro sono morti dopo un anno di missione, o due, o tre. Non sono mai sopravvissuti per più di tre anni. Morivano di malaria o di qualche altra malattia. Si sono sacrificati tanto per proclamare Dio. E così ho pensato: se tanti di loro sono morti, e se oggi ci sono ancora tanti martiri, significa che Dio è importante nella vita.

Il cuore del mio libro è quindi questo: come troviamo Dio in ciò che siamo, in ciò che facciamo e in quello che pensiamo?

Ma affronto anche molte questioni e molti problemi del mondo odierno: questioni e problemi nella Chiesa, relativi al matrimonio, relativi al sacerdozio. Tutte le questioni attuali che interessano la vita della Chiesa: la missione, il papa…

Il papa? In che senso?

  • 1
  • 2
  • 3
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
cardinal van thuansinodo sulla famiglia
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Gelsomino Del Guercio
Scomunicato Vlasic, ex padre spirituale dei v...
POPE FRANCIS AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
La fake news sul Papa che giustifica le union...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
fedez don alberto ravagnani
Gelsomino Del Guercio
Fedez e don Alberto Ravagnani: confronto su s...
Padre Fortea exorcista
Francisco Vêneto
Il demonio e le chiese date alle fiamme: per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni