Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 19 Settembre |
San Giuseppe da Copertino
home iconChiesa
line break icon

Alla Casa Bianca anche la bimba «portavoce» degli immigrati ispanici

Andrea Tornielli/Vatican Insider

Andrea Tornielli - Vatican Insider - pubblicato il 24/09/15

Tra la folla, c'era anche la piccola Jersey Vargas, la figlia di un messicano processato negli Usa per immigrazione illegale

Jersey Vargas dimostra meno dei suoi 11 anni. È minuta, quasi schiacciata contro la transenna nel parco della Casa Bianca. Tiene aperto un fazzolettone con ricamata l’immagine della Vergine di Guadalupe e la scritta: «Grazie Papa Francesco». «Sono arrivata qui alle tre di mattina – spiega a Vatican Insider – per dare il benvenuto al Papa. Per ringraziarlo…».

Jersey è la terza di cinque fratelli. È nata negli Stati Uniti, vive a Panorama City, vicino a Los Angeles e ha la cittadinanza americana perché è nata qui. Anche la madre Dolores ha ottenuto un permesso. Chi non ce l’ha mai avuto il padre, Mario, immigrato da quattordici anni. Nel 2013 era stato arrestato nell’Indiana. Nel marzo dell’anno scorso, la piccola Jersey era venuta a Roma, con un gruppo di attivisti che si battono per i diritti degli immigrati. In piazza San Pietro era riuscita a scambiare qualche parola con Francesco, raccontandole la sua storia.

«Gli avevo chiesto che ci aiutasse perché è ingiusto che tanti bambini fossero nella mia stessa situazione, separati dalle loro famiglie. Il Papa mi aveva benedetto, mi aveva dato un bacio e mi aveva detto che avrebbe incontrato il presidente Obama. Mi ha dato la sua parola».

Oggi  Mario Vargas non è più detenuto in attesa di essere espulso, ma è sottoposto a processo per immigrazione illegale. Jersey spera che tutto si risolva per il meglio e nonostante sia ancora una bambina, parla dei problemi degli immigrati con la competenza di un politico e la passione di un attivista. Non ha potuto avvicinarsi a Francesco, lo schieramento di soldati in alta uniforme, di bandiere, di telecamere e di giornalisti le ha impedito anche di vederlo. Ma ha ascoltato la sua voce. Lo ha sentito presentarsi davanti a Barack Obama come «figlio di una famiglia di migranti», proprio come lei.

Tags:
papa francesco

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
3
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
Paola Belletti
Tre suicidi tra i giovanissimi il 1°giorno di scuola
6
THERESA GIUNI
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Giuni Russo è giunta fino a Cristo per mano d...
7
PAURA FOBIA
Cecilia Pigg
La breve preghiera che può cambiare una giornata stressante
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni