Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 22 Ottobre |
San Giovanni Paolo II
Aleteia logo
home iconStile di vita
line break icon

I 5 obiettivi della guida LGBT per manipolare il messaggio del papa negli USA

AP Photo/Andrew Harnik

President Barack Obama and first lady Michelle Obama greet Pope Francis upon his arrival at Andrews Air Force Base, Md., Tuesday, Sept. 22, 2015. (AP Photo/Andrew Harnik)

Catholic Link - pubblicato il 23/09/15

 Primo obiettivo: Far sì che la gerarchia si veda allontanata dal resto della Chiesa

Come? Parlare alle persone LGBT che sono state licenziate da organizzazioni cattoliche perché vivevano o esprimevano punti di vista opposti a quello che insegna la Chiesa cattolica – anche se è legale, si crea un problema per la gerarchia cattolica, che dice di rispettare la dignità di tutte le persone. Coprire dichiarazioni vaticane che hanno causato problemi alle persone LGBT e cercare di collegare il LGBT ad altre cause importanti della Chiesa, come l’immigrazione, per mostrare i parallelismi esistenti.

Secondo obiettivo: Delegittimare l’insegnamento cattolico sul comportamento sessuale

Come? Segnalare i paradossi o le contraddizioni tra certi leader della Chiesa che hanno abbracciato politiche più aperte verso le opinioni della comunità LGBT. Citare studi che mostrano come l’insegnamento della Chiesa e ministeri ufficiali come Courage siano dannosi. Fare tutto il possibile per affermare l’esistenza dell’orientamento gay, bisessuale e lesbico, così come l’identità di genere o le persone transgender (la Chiesa nega la realtà dell’orientamento sessuale o identità di genere).

Porre domande come: Se un giovane si sta interrogando sul proprio orientamento sessuale, si sentirebbe sicuro se si aprisse a persone della Chiesa? Quali doni possono offrire alla Chiesa le persone LGBT?

Terzo obiettivo: Evitare l’uso di termini che evidenzino l’unità della Chiesa

Come? Ad esempio facendo distinzioni tra definizioni come “la Chiesa”, “i vescovi” e “la gerarchia”. Visto che la definizione “la Chiesa” è tecnicamente “tutto il popolo di Dio”, non si può dire: “La Chiesa cattolica è contro il matrimonio omosessuale”. Bisogna scrivere invece: “Molti vescovi della Chiesa cattolica sono contrari al matrimonio omosessuale”.

Quarto obiettivo: Dare l’impressione che la stragrande maggioranza dei laici cattolici (in opposizione alla gerarchia) appoggi la comunità LGBT

Aleteia Image Department/Flickr

Come? Parlare con le persone LGBT e raccontarne le storie, richiamare l’attenzione su come certi cattolici o certe comunità religiose accettino stili di vita omosessuali. I laici cattolici in genere sostengono le attività LGBT più della gerarchia, per cui bisogna parlare con loro. Far sì che i membri della comunità LGBT sembrino simpatetici alle altre minoranze, e non porre mai domande che implicano che l’accettazione della comunità LGBT significa respingere altri gruppi.

Quinto obiettivo: Brainstorming anticipato

Come? Proporre idee per storie che mettano la comunità LGBT e la Chiesa dallo stesso lato, come Alleati della LGBT nella gerarchia romana” o “Come la gerarchia cattolica gioca un ruolo di opposizione alla legalizzazione dei comportamenti LGBT”. Raccontare la storia di attivisti LGBT che vogliono partecipare pienamente alla Chiesa, di modo che la visibilit’ dei cattolici che si identificano attivamente come LGBT aumenti.

Cosa dice papa Francesco?

Anche se molti potrebbero tendere a limitare i pensieri del papa sulla questione dell’omosessualità al suo Chi sono io per giudicare?”pronunciato sul volo di ritorno da Rio de Janeiro nel 2013, o alle voci uscite dal Sinodo dei vescovi dello scorso anno sulla famiglia che ha aperto le porte della Chiesa alle persone con orientamento omosessuale, non sappiamo davvero cosa pensa il papa. Anche se nessuno può pretendere di sapere con certezza cosa ci sia nella mente del pontefice, dare uno sguardo ad alcuni dei suoi commenti recenti sul tema del matrimonio e della famiglia potrebbe darci una dritta sul punto in cui si trova prima del suo viaggio negli Stati Uniti:

L’immagine della famiglia – come Dio la vuole, composta da un uomo e una donna in vista del bene dei coniugi ed anche della generazione e dell’educazione dei figli – è deformata mediante potenti progetti contrari sostenuti da colonizzazioni ideologiche”. Papa Francescoai membri delle Équipes Notre Dame, 10 settembre 2015.

La famiglia è anche minacciata dai crescenti tentativi da parte di alcuni per ridefinire la stessa istituzione del matrimonio mediante il relativismo, la cultura dell’effimero, una mancanza di apertura alla vita”. Discorso di papa Francesco all-incontro con le famiglie nelle Filippine, 16 gennaio 2015.

La famiglia rimane al fondamento della convivenza e la garanzia contro lo sfaldamento sociale. I bambini hanno il diritto di crescere in una famiglia, con un papà e una mamma, capaci di creare un ambiente idoneo al loro sviluppo e alla loro maturazione affettiva. Per questa ragione, nell’Esortazione apostolica Evangelii gaudium, ho posto l’accento sul contributo «indispensabile» del matrimonio alla società, contributo che «supera il livello dell’emotività e delle necessità contingenti della coppia» (n. 66). È per questo che vi sono grato per l’enfasi posta dal vostro colloquio sui benefici che il matrimonio può portare ai figli, ai coniugi stessi e alla società”. Papa Francescoai partecipanti al colloquio internazionale sulla complementarietà tra luomo e la donna, 17 novembre 2014.

Quello che stanno proponendo non è un matrimonio, è una associazione. Ma non è matrimonio! E’ necessario dire cose molto chiare e questo dobbiamo dirlo!”. Papa Francesco ai membri di Schoenstatt, 25 ottobre 2014.

Potrebbe aiutare anche uno sguardo alle udienze generali del papa da gennaio, visto che il matrimonio e la famiglia sono stati al centro delle sue riflessioni come introduzione al Sinodo dei vescovi sulla famiglia che si celebrerà quest’anno.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

  • 1
  • 2
Tags:
ideologia genderlgbtpapa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis e quella “rivelazione”: “I miei angeli custodi sono ...
2
MARCELLO BELLETTI
Annalisa Teggi
Un padre, una madre e 7 figli. Non è follia ma sovrabbondanza
3
VENEZUELA
Ramón Antonio Pérez
Quando la vita nasce dall’abuso atroce di una ragazza disabile
4
Paola Belletti
Il tuo bimbo ancora in utero ti ascolta e impara già prima di nas...
5
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
6
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
7
SQUID GAME, NETFLIX
Annalisa Teggi
Squid game, il gioco al massacro è un mondo senza misericordia
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni