Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Un parroco lancia il ristorante per gli italiani in difficoltà: pasti a un euro

Flickr/Fred Mancosu/Creative Commons
Condividi

L’iniziativa di don Gianni Antoniazzi diventa subito virale sul web. «Ma il locale sarà aperto agli italiani, non agli immigrati»

In poche ore ha già portato a casa migliaia di visualizzazioni e condivisioni sui social network. Sul web sta spopolando il video realizzato dal programma tv “Dalla vostra parte” di Rete 4 (18 settembre), condotto da Paolo Del Debbio, su don Gianni Antoniazzi, il parroco di Carpenedo (Venezia) pronto ad aprire un ristorante dedicato agli italiani in difficoltà.

Proposta semplice: cena in ristorante a un euro, ma solo per gli italiani. Niente profughi e immigrati, quindi. Polemiche assicurate, ma l’idea di don Gianni è arrivata in prima serata e poi ha conquistato il web. I primi a rilanciarla sono stati i leghisti, a partire dall’eurodeputata Mara Bizzotto (Il Gazzettino, 19 settembre)

Nei giorni scorsi, in un’intervista pubblicata su Youtube da Tv7, don Gianni ha spiegato: «Sembra che aiutiamo solo gli italiani, ma non è così. In questo periodo abbiamo anche dato cinque alloggi per le famiglie venute qui e che sono in difficoltà. Ci accorgiamo però che dobbiamo venire incontro alle esigenze di quegli italiani che hanno difficoltà notevoli nella loro famiglia e siccome qui in Italia è cresciuta e di molto la dignità personale nessuno di loro chiede e in pochi si ricordano delle loro difficoltà. Per questo è nata l’idea del ristorante a un euro per pasto e anche gratis per chi è sotto i 16 anni. Metteremo a disposizione cento posti per gli italiani» (direttanews.it, 20 settembre).

«La fame – ha proseguito il parroco – non cancella la dignità e la povertà non è così grave: gli italiani hanno forza e decoro per non sentirsi mai veramente poveri». Per don Gianni «stiamo vivendo un momento di particolare fatica. Le cose belle si costruiscono sempre insieme quindi bisogna aprirsi a tutte quelle persone che a livello politico possono dare un contributo».

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.