Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Papa, Cuba: dissidenti arrestati

ADALBERTO ROQUE / AFP
Cuban inmates enjoy a break at the maximum security "Combinado del Este" prison, in Havana, on April 9, 2013. Cuba's government announced pardons on September 11, 2015 for more than 3,500 prisoners, setting the stage for an eagerly awaited visit by Pope Francis with the largest release of its kind since the 1959 revolution. The official Communist Party daily Granma published the decision by the Council of State to free 3,522 prisoners "on the occasion of the visit of His Holiness Pope Francis." AFP PHOTO/Adalberto ROQUE
Condividi

La visita di Bergoglio non sembra frenare misure repressive contro i dissidenti politici

di Giorgio Tosatti

 

La visita del Papa a Cuba non sembra frenare le misure repressive nei confronti della dissidenza, e degli oppositori politici. Secondo il sito CapitolHillCubans, un organo di informazione dei cubani contrari al regime dell’Avana residenti negli Usa, ieri alcuni dissidenti cubani, sono stati invitati ieri pomeriggio, all’ultimo minuto, a salutare papa Francesco nella Nunziatura apostolica della capitale cubana.

Ma secondo quanto riferisce il sito, sarebbe stati arrestati dalla polizia segreta mentre si stavano dirigendo verso la Nunziatura. Fra gli arrestati ci sarebbe Berta Soler, la leader delle Damas in Blanco, insieme a suo marito, Angel Moya, che è noto per essere stato un obiettore di coscienza legato a Amnesty International.

Insieme a loro un’altra nota leader dei diritti umani, Marta Beatriz Roque sarebbe stata fermata dagli agenti. In precedenza secondo quanto affermato da CapitolHillCubans venti appartenenti alle Damas in Blanco e almeno una trentina di attivisti della Union Patriotica Cubana (UnPaCu) sarebbero stati fermati, per impedire loro di partecipare alla messa che papa Francesco celebra a l’Avana.

 

QUI L’ORIGINALE

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni