Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 19 Giugno |
San Romualdo
home iconNews
line break icon

E’ stato un profugo, ora è un affermato calciatore in serie A

Pottercomuneo/Wikimedia Commons

Gelsomino Del Guercio - Aleteia - pubblicato il 18/09/15

Perparim Hetemaj, fuggito dal Kosovo, da piccolo è stato ospitato in un centro di accoglienza in Finlandia

Dai centri di accoglienza alla Serie A. Dall’esperienza della guerra civile alla gloria del calcio. Perparim Hetemaj, centrocampista del Chievo Verone, ha raccontato a La Gazzetta dello Sport(16 settembre) la sua infanzia trascorsa in Kosovo tra mille difficoltà.

ESPERIENZA DA IMMIGRATO

La vita della sua famiglia non è stata semplice. E ora in tempi e polemiche su immigrazione e clandestini, la storia di Perparim è di stretta attualità. Perché in fondo questo 28enne, che oggi gode di una quotidianità agiata e uno stipendio da quasi 300mila euro, sa bene cosa significa vivere come quelle migliaia di profughi che oggi provano a spostarsi nell’Europa industrializzata alla ricerca di un futuro migliore e di un riscatto personale.

LA CORSA VERSO LA FINLANDIA

Nato in Kosovo, a 6 anni da lì è dovuto fuggire, lui con il fratello, le due sorelle e i genitori, entrambi avvocati, che persero il lavoro. Per la famiglia non c’è stata pace anche per i gravi problemi di salute del padre. «La mia infanzia è stata difficile – spiega Perparim – Papà prima fu operato in Croazia. Poi andammo in Finlandia. La guerra l’abbiamo sfiorata, ma non l’abbiamo vissuta. Papà era già malato e non poteva lavorare».

“LUOGHI SENZA PRVACY”

Gli Hetemaj si trasferirono nella città di Olou, un anno in un centro di accoglienza. Poi Helsinki dove c’erano strutture più all’avanguardia per curare papà che è morto nel 2010, a soli 54 anni«. «Vivere in un centro di accoglienza? Ovviamente non è facile, ma un bambino lo sente meno perché gioca. E’ decisamente più complicato per i genitori, per le persone più grandi. Si sta molto stretti, non c’è privacy”».

Tags:
calcioprofughisport
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
conduttore rai 1 diventa prete
Gelsomino Del Guercio
Addio al giornalismo: Fabrizio Gatta, il volto noto di Rai1, dive...
3
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
4
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
5
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
6
MATKA TERESA Z KALKUTY
Cerith Gardiner
In caso di necessità, l’efficacissima preghiera da 5 secondi di m...
7
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni