Aleteia
lunedì 19 Ottobre |
San Paolo della Croce
Chiesa

«Gli Usa e il loro “caos migratorio”, il Papa può aiutare a risolverlo»

Vatican Insider - pubblicato il 17/09/15

Intervista all’arcivescovo di Filadelfia Charles Chaput che analizza la visita di Francesco negli stati Uniti

di Andrés Beltramo Alvarez

Gli Stati Uniti affrontano un «caos migratorio». Né i Repubblicani né i Democratici sono innocenti. Ma papa Francesco può aiutare sia la Casa Bianca che il Congresso a lavorare insieme con più onestà per risolvere questo problema. Ne è convinto l’arcivescovo di Filadelfia, Charles Chaput.In questa intervista, analizza la visita di papa Francesco negli Stati Uniti d’America che inizierà a Washington DC il 22 settembre e si concluderà a Filadelfia il 27 settembre.

Come crede che i Filadelfiani accoglieranno papa Francesco?

«Filadelfia aspetta questa visita da tre anni. Se la gente fosse più emozionata di quanto lo è adesso, avrebbero tutti bisogno di assistenza medica. Papa Francesco riceverà un caloroso benvenuto. È nella natura stessa della nostra città».

Alcuni sondaggi indicano che pochi americani sanno della sua visita nel vostro paese. Altri dicono che la sua popolarità è in calo. Cosa si aspetta dalla visita del Papa? non mi riferisco solo all’aspettativa dei cattolici ma anche a quella dei non cattolici.

«Sono molto scettico riguardo ai sondaggi perché creano un’oscillazione emozionale tra eccessiva sicurezza e sconcerto. E spesso si sbagliano, anche quando mi piacciono i risultati. Gli Stati Uniti sono una nazione con una popolazione di 320 milioni di persone. Se una meteora dovesse colpire Washington tanti di loro non se ne accorgerebbero. Credo che gli americani di tutte le fedi vedono il Papa come un uomo di grande bontà e gioia. Quelle qualità sono molto attraenti. Quindi la maggior parte degli americani, nella misura in cui sono consapevoli del Santo Padre e hanno qualche aspettativa per la sua visita, si aspettano che Francesco sarà una fonte di speranza e di riconciliazione».

Questa sarà la prima volta che un Papa parlerà davanti a entrambe le camere del Congresso statunitense. Che significato ha questo per gli americani?

«È un momento unico nella storia. Filadelfia è stata maggiormente colpita dall’odio anti-cattolico che ha travolto questo paese durante l’Ottocento a causa del grande flusso di migranti cattolici che è arrivato nella nostra città. È stata una brutta esperienza. Per molto tempo in America non c’era un clima amichevole verso la fede cattolica. Per certi versi ancora non c’è. Il fatto che adesso il Pastore della Chiesa cattolica è stato invitato a tenere un discorso davanti ai rappresentanti eletti degli americani è una cosa incredibile».

Visiterà anche la Casa Bianca, le Nazioni Unite e Ground Zero. Credete che ci saranno sorprese nei suoi discorsi oppure nei suoi gesti in questi luoghi?

«Sorprese sì, è nella natura di questo Papa. Cattive sorprese, no».

Il Papa verrà negli Stati Uniti nel momento in cui si definiranno i temi che domineranno la prossima campagna elettorale. Una di queste è l’immigrazione. Francesco ha una linea molto chiara su questo tema. Il suo messaggio riuscirà ad attenuare le tendenze xenofobe negli Stati Uniti?

«Non mi piace la parola “xenofobo” perche implica ostilità. La maggior parte degli americani sono migliori e più generosi di questo. Ma sopratutto dopo l’11 settembre, molti americani sono preoccupati per la sicurezza delle loro famiglie e di se stessi. Sono preoccupati per il loro lavoro. Sono preoccupati per il mantenimento dello stato di diritto. Sono preoccupati per la protezione della solvibilità delle istituzioni pubbliche. È importante che le persone fuori dagli Stati Uniti capiscano che gli americani hanno dei motivi, spesso dei buoni motivi per preoccuparsi dell’immigrazione. Detto questo, gli Stati Uniti sono una nazione costruita dagli immigrati. Ed è constantemente rinnovata con nuovi immigrati. Quindi demonizzare e penalizzare gli immigrati è la peggior forma di paradosso per un americano – una specie di auto-contraddizione nazionale. Le persone hanno un diritto naturale a migrare per provvedere alla sicurezza e sostentamento loro e delle loro famiglie. Spero, quindi, che il Papa aiuterà sia la Casa Bianca che il Congresso a lavorare insieme con più onestà per risolvere questo problema immigrazione. Entrambi i nostri principali partiti politici – i Democratici e i Repubblicani – sono responsabili dell’attuale caos migratorio. Nessuno dei due è innocente».

Alcuni negli Stati Uniti hanno criticato la linea del Papa sull’ambiente e l’economia di mercato. Credete quindi che ci saranno dei contestatori presenti?

«Certo, questa è la natura della democrazia. Dovremmo accoglierla. Il Santo Padre comunque non ha detto niente che sia inconsistente con le tante encicliche sociali prima del suo pontificato. I cattolici devono essere cattolici cristiani innanzitutto, e poi americani. Se no, non hanno nulla di sostanzioso da offrire alla vita morale del paese».

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
migrantipapa francescophiladelphia
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
EUCHARIST
Philip Kosloski
Questa Ostia eucaristica è stata filmata ment...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di D...
RACHELE SAGRAMOSO,
Silvia Lucchetti
Rachele, da adolescente tormentata a mamma di...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni