Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Dove vanno i siriani?

Unhcr
Condividi

Il Patriarca Sako è preoccupato dall'esodo in massa che sta svuotando la regione. Italia in prima fila ma non siamo i più "accoglienti"...

Ma gli immigrati sono un costo per l’Italia?

Ormai è assodato che la ricchezza annualmente prodotta dagli stranieri in Italia è piuttosto alta, e anche il loro apporto demografico è importante, perché permettono un parziale svecchiamento della popolazione. Il Pil creato ogni anno dai lavoratori stranieri è di circa a 123 miliardi di euro, cioè l’8,8% del totale nazionale. Anche calcolando tutti i costi di inserimento (il welfare, il contrasto alla migrazione illegale, le politiche di accoglienza) l’erario italiano ha un guadagno netto di quasi 4 miliardi di euro. Oltre 800 mila bambini (la metà nata in Italia) vanno a scuola in Italia, garantendo così cattedre e quindi posti per gli insegnanti.

Chi sono i migranti che arrivano sulle nostre coste?
Finora, nel 2015, sono per lo più eritrei (29.019), nigeriani (13.788), somali (8.559), sudanesi (6.745) e siriani (6.324). Dunque in gran parte migranti che hanno diritto a una qualche forma di protezione internazionale.

L’Italia ospita “troppi” rifugiati?
Al di là delle immagini e dei proclami populistici si può affermare che rispetto alle dimensioni demografiche italiane, no, non ne accogliamo poi così tanti. Stando ai dati forniti dall’Unchr (l’agenzia Onu per i rifugiati): “Il numero di rifugiati accolti dall’Italia rimane modesto se comparato a quello di altri Paesi in Europa e nel mondo in media, infatti, l’Italia accoglie 1 rifugiato ogni mille residenti, ben al di sotto della Svezia (con più di 11 rifugiati ogni mille) e della Francia (3,5 ogni mille). Per non parlare di casi limite: in Medio Oriente il Libano, al confine con la Siria, ospita circa 1,2 milioni di rifugiati, pari a un quarto della popolazione del Paese”

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni