Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

Public Domain
Condividi

E’ solo l’eros e il desiderio?

Dal punto di vista formale spesso è goffo e sgraziato. Non ha la rigorosa simmetria degli oggetti geometrici, ne la flessuosa eleganza dei felini, non incute timore come un serpente ne ha la libertà degli uccelli in volo, eppure… Eppure c’è nel corpo umano qualcosa che non si lascia ridurre all’aspetto. Si, il corpo umano è bello precisamente perché non è solo un corpo e questo è talmente vero che nulla suscita più disgusto di un corpo umano morto.

Finché è animato dal soffio della vita nulla è più bello dell’uomo, quando questa ne sfugge nulla diventa più brutto, anche se il suo aspetto esteriore rimane identico. Alla fine dei conti la bellezza del corpo consiste nel suo rimandare oltre, nel suo essere segno dello Spirito, che in ultima analisi è amore. Il corpo è bello perché è comunicazione, contatto, porta aperta, finestra spalancata sul sé più profondo.

Con una sintesi acrobatica potremmo dire che il corpo umano è bello perché nelle diverse fasi della vita celebra l’amore, la sua possibilità nell’infanzia e nell’adolescenza, il suo godimento nella giovinezza e nell’età adulta, il suo compimento e il suo frutto nell’età matura.

Considerate gli occhi. Non è lo sguardo il primo messaggio dell’amore? Cosa c’è di più bello dello sguardo di una donna innamorata?

E le mani? Cosa diremo delle mani, che racchiudono in pochi centimetri di pelle tutte le pieghe di una storia? Poche cose dicono l’intimità di una persona come le sue mani, il modo di muoverle o di tenerle in quiete, in ogni mano è racchiusa una vita intera.

Considerate la curva dei fianchi ed il seno di una donna, considerate il suo ventre (lo ripeto, vedo le cose da un punto di vista maschile), non sono la promessa di un compimento, di una fecondità che da senso alla vita?

L’ho già detto e lo ripeto: la quintessenza della bellezza per me è una ventenne in prendisole che incede gloriosa per un lungomare ventoso esibendo la sua maternità.

Il corpo umano è bello perché ci rimanda all’amore, e l’amore è bello perché porta in sé la vita, la fecondità. Niente è più bello della maternità.

Dev’essere per questo che trovo bruttissimi certi corpi e certi volti rifatti che portano la sterilità scritta in ogni piega, dev’essere per questo che mi danno un infinita tristezza certi sguardi pieni di voluttà in cui si legge solo la fame e non il desiderio di dare vita.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni